Proteste degli agricoltori: da paese a paese, ognuno dopo il suo turno… fino a quando?

Questa Tribune pubblicata il 20 gennaio 2024 è aggiornata regolarmente con nuove informazioni.

Per almeno un secolo, i finanzieri anglosassoni hanno voluto sottomettere l’agricoltura al loro governo mondiale. Lo abbiamo mostrato nel nostro capitolo Il punto di partenza per una scelta di civiltà.

Nota: in questa traduzione, abbiamo mantenuto i link ad articoli sui media francesi. Deve trovare nella sua lingua i documenti relativi alle questioni menzionate.

Gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU

Cominciamo con un breve riepilogo dei fatti che hanno portato alle proteste degli agricoltori in questo gennaio 2024 e riprendiamo il nostro testo :

“Gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU sono stati adottati da tutti gli Stati membri dell’ONU nel 2015, senza che nessun popolo sia stato consultato e abbia dato il suo consenso mediante referendum. Questa agenda rappresenta un siluramento dell’indipendenza dei popoli e delle nazioni.

Questa è l’ultima tappa che consacrerà l’avvento del Nuovo Ordine Mondiale. In effetti, Ban Ki-moon, all’epoca segretario generale delle Nazioni Unite, definì Agenda 2030 “una dichiarazione globale di interdipendenza”.

Ciò equivale a dire che l’indipendenza nazionale, e quindi le nazioni, non esisteranno più.

(NDR: il dogma capitalista liberale è noto: non ci sono società, ci sono solo i mercati.)

Per quanto riguarda i cambiamenti alimentari, l’ONU ha organizzato il “Summit sui sistemi alimentari” tenutosi a New York il 23 e 24 settembre 2021.

Durante il summit, è stato affermato che è necessario utilizzare “il potere dei sistemi alimentari” per raggiungere i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite entro il 2030. Un’altra dichiarazione ufficiale rilasciata al termine del vertice ONU è stata: “Tutti devono agire e lavorare, ovunque nel mondo, per trasformare il modo in cui il mondo produce, consuma e pensa il cibo”.

Restituire terreni agricoli agli agricoltori e agli allevatori. Questo obiettivo era già stato perseguito da Lenin e dal suo team selezionato e finanziato dai banchieri anglosassoni tra cui Jacob Schiff.

…/…

Il programma di “sviluppo sostenibile” è stato definito per la prima volta in occasione della conferenza organizzata dall’ONU a Vancouver (Canada) dal 31 maggio all’11 giugno 1976.

Il suo tema principale era “insediamenti umani” ed è chiamato “Habitat I”.

Un passo del rapporto pubblicato dopo questa conferenza merita di essere considerato nel contesto di ciò che era l’URSS o la Cina di Mao: “La terra non può essere trattata come un bene ordinario controllato da individui e soggetto alle pressioni e alle inefficienze del mercato. La proprietà privata della terra è anche uno strumento fondamentale per accumulare e concentrare la ricchezza, contribuendo così all’ingiustizia sociale”.

Nel 2022, è in Olanda che viene messa in pratica per la prima volta la dottrina concordata alla conferenza di Vancouver del 1976: migliaia di agricoltori e allevatori saranno rovinati, dichiarati falliti e i loro terreni sequestrati e trasferiti a strutture pubbliche che applicheranno le misure previste dall’agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Blocco delle autostrade da parte degli agricoltori che si rifiutano di farsi Hara-Kiri nei Paesi Bassi.
La polizia ha sparato proiettili veri contro i manifestanti nella notte tra il 5 e il 6 luglio 2022 nel nord del paese.

In nome dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, i Paesi Bassi (per cominciare) abbatteranno il bestiame e chiuderanno il 30% delle aziende agricole.

Con il pretesto della lotta all’azoto, il governo olandese sta attuando l’agenda 2030 delle Nazioni Unite senza problemi e sta distruggendo l’agricoltura olandese, che è un’agricoltura estremamente ecologica, in quanto non utilizza pesticidi (ma i Paesi Bassi, 17 milioni di persone, sono il secondo esportatore mondiale di prodotti alimentari, appena dietro agli Stati Uniti).

La guerra dell’energia

Le guerre durante il periodo industriale sono state tutte organizzate o provocate per questioni energetiche e di controllo del petrolio e del gas. Senza queste energie non è possibile lo sviluppo industriale, è semplice.

Ultimamente, la deregolamentazione dei mercati dell’energia si è accelerata per sviluppare la privatizzazione delle società pubbliche istituite dagli Stati per distribuire petrolio, gas ed elettricità. Il minimo pretesto, il minimo timore dei finanzieri giustificano l’aumento dei prezzi dell’energia. E hanno sempre paura, tranne che tra di noi, siamo senza paura e senza rimproveri. Da qui il loro chimerico desiderio di eliminare la nostra resistenza ai loro sistemi di potere.

Finora i governi di mantenimento della pace sociale hanno finanziato misure per limitare tali aumenti attraverso misure fiscali al fine di ridurre le tasse sul prezzo di vendita dell’energia. Nel 2022, i massimali dei prezzi dell’elettricità e del gas sono costati allo Stato 24 miliardi di euro a causa di queste misure.

Ma i finanzieri neoliberali e i loro azionisti, dopo aver lasciato che i governi indebitassero a partire dalla crisi finanziaria del 2006-2008, dalla crisi sanitaria legata al Covid-19, e dalla guerra in Ucraina, hanno iniziato a voler richiedere il rimborso del debito pubblico. I governi autoritari richiesti da JP Morgan nel giugno 2013, dieci anni dopo, devono necessariamente mettersi al lavoro per rispettare le politiche di austerità per cui sono stati eletti. Tra questi governi troviamo Young Global Leader, l’organizzazione del WEF per “infiltrarsi” nei governi.

Conflitti politici

Tutto ciò che abbiamo appena detto è noto al grande pubblico ed è ampiamente discusso attraverso i social network e Internet.

In Francia, il movimento dei Gilet Gialli nel novembre 2018 e nel 2019, ha il suo punto di partenza per aumentare le tasse sul carburante in una situazione economica difficile con la perdita del potere d’acquisto della maggior parte dei cittadini. Una parte di questi aumenti è sostenuta dai partiti politici ambientalisti per finanziare la transizione energetica.

Avevamo spiegato agli ecologisti il funzionamento di una moneta piena senza debiti e avevamo ricordato loro che la ricostruzione e la modernizzazione della Francia dopo il 1945, le centrali nucleari, le dighe idroelettriche, gli ospedali, le città nuove, le università, le scuole, le autostrade, il Concorde, la Francia, la previdenza sociale, tutto è stato finanziato con i buoni del Tesoro e le cambiali, il che corrisponde al funzionamento di una moneta piena senza debiti pubblici e privati. Non ci hanno dato ascolto, soprattutto in occasione dell’iniziativa svizzera sulla moneta piena (Vollgeld) dal 2014 al 2016.

Come mantenere e sviluppare attrezzature e infrastrutture pubbliche create con una moneta piena senza continuare a utilizzare questa moneta piena ma utilizzando d’ora in poi dal 1973 i debiti pubblici e i prestiti pubblici sui mercati finanziari guidati dall’oligarchia anglosassone da Wall Street?

I neoliberali Young Global Leaders stanno cercando di difendere queste assurdità politiche. I cittadini svegli, svegliati da queste politiche che portano all’eliminazione delle nostre società, si oppongono sempre più fermamente a queste democrazie, i cui sistemi rappresentativi ed elettorali, finanziati dai più ricchi, ci allontanano sempre più dal governo per il popolo e per il popolo, in altre parole ci impediscono di sviluppare le nostre democrazie locali dirette partecipative, le nostre Reti di Vita.

Oggi, in particolare in Germania, come in Francia, i partiti ambientalisti nei governi seguono le misure stabilite da Goldman Sachs per tassare il CO2 e organizzare il mercato delle tasse sul carbonio al fine di finanziare con queste tasse e tasse la transizione energetica indispensabile dopo almeno due secoli di gravi e diffusi inquinamenti dovuti allo sviluppo industriale lasciato nelle mani dei proprietari privati dei mezzi di produzione.

In Germania, il rifiuto del governo da parte del partito socialdemocratico SPD (rosso), dei liberali FDP (giallo) e dei Verdi, il governo dei “semafori”, è al centro delle proteste in corso nelle strade, che stanno sfociando in autostrade bloccate da trattori e camion.

Allemagne manifestations agriculteurs janvier 2024, revendications : l'argent des allemands doit rester aux allemands

I soldi dei tedeschi per i tedeschi! Questa rivendicazione è soddisfatta con l’uso della moneta intera (Vollgeld). Non ci sono debiti e le ricchezze rimangono sul posto. Non entrano in tasse che servono a ripagare i debiti pubblici perché i governi sono costretti a contrarre prestiti sui mercati finanziari con le banche centrali private che gestiscono il sistema bancario. Queste ricchezze generate dal lavoro di tutti non diventeranno anche un profitto per i proprietari dei mezzi di produzione e specialmente per gli azionisti e gli investitori stranieri, nonché per le multinazionali che impongono i loro prodotti chimici, farmaceutici agli agricoltori.

Nei nostri diversi paesi europei non siamo più in una fase di negoziato sul livello delle tasse che saremmo disposti a pagare per avere energia e vivere in modo dignitoso senza tornare alla povertà e alla miseria. Siamo di fronte all’applicazione delle misure decise dai più ricchi e dall’oligarchia finanziaria anglosassone guidata dalla setta puritana con il loro dogma teocratico della predestinazione delle élite a governare il mondo. I nostri governi sono responsabili dell’applicazione di tali misure e stanno diventando sempre più autoritari.

Questi conflitti politici sono anche sviluppati e sostenuti da partiti autoritari che seguono l’ideologia fascista, un movimento politico organizzato e finanziato dai leader dell’oligarchia anglosassone da oltre un secolo. Non dobbiamo cadere nella trappola che questi partiti di estrema destra rappresentano. Questi partiti di estrema destra non devono intromettersi nelle nostre lotte civili. Se non vogliono abbandonare i sistemi di potere, ma vogliono conquistare il potere politico per stabilire il loro sistema secondo la loro ideologia fascista e nazionalista, che corrisponde ampiamente all’ex partito nazionalsocialista, in linea di principio vietato dal 1945, questi partiti intervengono solo per dividere i cittadini e difendere così i neoliberali che ci impongono queste misure contro le quali siamo in lotta politica.

Proteste degli agricoltori in Germania, gennaio 2024

In Francia, i cittadini sono poco informati dai principali media pubblici e privati. Il governo, dopo il movimento dei Gilet Gialli del 2018, cerca di nascondere ciò che sta accadendo in Germania.

Allemagne janvier 2024 manifestations d'agriculteurs à Munich

Per spiegare queste proteste ci avvaliamo di alcuni articoli apparsi sui media tedeschi.

Documento:

Perché i contadini protestano? Quali sono le loro richieste

https://www.morgenpost.de/wirtschaft/article241366228/bauern-protest-wie-lange-streiken-wichtige-fragen.html

La nostra traduzione:

Berlino. Il governo vuole abolire i sussidi, gli agricoltori non vogliono accettarli. Questo è ciò che vogliono veramente i manifestanti dei contadini.

Da settimane, gli agricoltori tedeschi si stanno mobilitando contro i piani di austerità del governo federale. Le proteste sono culminate nella rabbia degli agricoltori che giovedì sera hanno bloccato il traghetto per le vacanze del ministro federale dell’economia Robert Habeck (Verdi/ALE) nella Frisia settentrionale e hanno cercato di sfidare il ministro dei Verdi. Ma perché i contadini tedeschi sono così arrabbiati con la politica? Perché protestano e quanto dura la protesta? Domande e risposte chiave:
Quanto tempo gli agricoltori sciopereranno da lunedì?

Dall’inizio della mattinata di lunedì, gli agricoltori hanno creato una situazione eccezionale sulle strade tedesche. Per gli agricoltori, anche i tagli più modesti si spingono troppo oltre. “Entrambe le proposte di riduzione devono essere respinte”, ha chiesto Joachim Rukwied, presidente della Federazione tedesca degli agricoltori (DBV). Il resto: le dimostrazioni continuano. In primo luogo, il DBV ha indetto una settimana di protesta a partire dall’8 gennaio. Il 15 gennaio è prevista una grande manifestazione a Berlino. La polizia si sta preparando ai “punti nevralgici” per “gli accessi e le espulsioni”, ha detto alla redazione il presidente del sindacato della polizia, Jochen Kopelke. E avverte: “Considerando la massa di manifestanti prevista, la polizia dovrà agire molto rapidamente in modo molto flessibile in Germania. Ma non è attrezzata a sufficienza”. Ha invitato i manifestanti a manifestare pacificamente.

Di cosa parlano i contadini: perché i contadini protestano?

In dicembre, dopo la sospensione del bilancio di Karlsruhe, il governo di semaforo aveva annunciato misure di austerità di grande portata. Anche l’agricoltura è stata colpita, i sussidi sono in bilico. In tal modo si dovrebbero eliminare gli incentivi per il diesel agricolo. Inoltre, il governo ha annunciato che i veicoli agricoli e forestali non saranno più esentati dalla tassa sugli autoveicoli. I contadini sono arrabbiati per questo. In occasione di un recente raduno su vasta scala davanti alla Porta di Brandeburgo, migliaia di agricoltori hanno manifestato con i loro trattori.

Per saperne di più: La rabbia è giustificata? Cosa meritano
veramente i contadini tedeschi? Di quanto denaro si tratta?

Secondo i piani iniziali della coalizione dei semafori, l’abolizione delle agevolazioni fiscali per il diesel agricolo avrebbe permesso di risparmiare poco più di 440 milioni di euro, e 485 milioni di euro supplementari sarebbero stati sbloccati se fosse stata soppressa l’esenzione dalla tassa sui veicoli agricoli e forestali.

Infine, esistevano solo stime sulle lacune che la soppressione degli aiuti di Stato avrebbe effettivamente potuto lasciare nelle casse delle singole imprese. “La soppressione della restituzione per l’agrodiesel comporterebbe per un’azienda media di 100 ettari costi aggiuntivi che vanno da 2300 euro all’anno (azienda agricola specializzata) a 3900 euro all’anno (azienda lattiero-casearia specializzata)”, ha dichiarato il professore di agronomia Thomas Herzfeld, dell’Istituto Leibniz per lo sviluppo agricolo nelle economie di trasformazione a Halle, nella sala di questa redazione.

In effetti, il 2023 è stato un buon anno per gli agricoltori tedeschi. Secondo l’Unione degli agricoltori, sono riusciti ad aumentare i loro profitti del 45% nonostante l’inflazione, l’aumento dei costi dell’energia o i problemi della catena di approvvigionamento.

Perché gli agricoltori sono così arrabbiati con la politica?

Il fatto che gli agricoltori e i politici non sempre siano ambientalisti non è una novità. In passato ci sono state proteste quando le norme sull’uso dei prodotti fitosanitari dovevano essere inasprite. O quando si è discusso di un divieto di fertilizzazione per i terreni coltivabili in prossimità dei corsi d’acqua. Il fatto che ora si debbano abolire importanti agevolazioni fiscali per gli agricoltori ha probabilmente fatto traboccare il vaso. Le proteste di oggi possono quindi essere interpretate come un misto di preoccupazioni finanziarie, malcontento e sensazione di ingiustizia politica.

Cosa dice la politica?

Le proteste dei contadini sembrano avere un effetto. Giovedì il governo federale ha annunciato il mantenimento dei vantaggi fiscali per i veicoli agricoli e forestali e la graduale abolizione delle sovvenzioni per il diesel. Il Governo federale non deve però fare ulteriori concessioni. Il ministro federale dell’agricoltura Cem Özdemir (Verdi/ALE, FR) ha dichiarato che non si piegherà fino a nuove manifestazioni. Abbiamo trovato un buon compromesso. La coalizione dei semafori opera in modo molto equo.

Perché le proteste dei contadini sono controverse?

I contadini arrabbiati sarebbero radicali, estremisti di destra, gruppi della Nuova Destra e crociati. Più recentemente, fino a 300 contadini arrabbiati hanno impedito a Habeck di lasciare un traghetto nello Schleswig-Holstein. Habeck, che viaggiava in privato, doveva tornare indietro. I testimoni riferiscono che i manifestanti hanno urlato a Habeck: “Vattene, lasciati andare”. Su un cartello si vedeva una forca dipinta. Da allora la giustizia sta indagando tra l’altro per costrizione,

per cui si discute ora della cultura generale della protesta. Il presidente della Confederazione Frank-Walter Steinmeier ha dichiarato, ad esempio, che l’incitamento all’odio e alla violenza travalica le frontiere. “Vedere un ministro che viene intimidito da una folla aggressiva durante un viaggio privato e mettersi in salvo dopo le minacce ha scioccato molte persone nel nostro paese, me compreso. Non dobbiamo accettarlo”. Anche il presidente degli agricoltori Rukwied ha preso le distanze: “Non vogliamo che alle nostre proteste partecipino la destra e altri gruppi radicali con vocazione sovversiva”.

altri documenti:

Aktionswoche gestartet: Deutsche Bauern demonstrieren | krone.tv NEWS

Bauernproteste: “Ewige Gängelung ist nicht mehr zu ertragen”BILD

Proteste degli agricoltori: “Il bullismo eterno non può più essere tollerato”

Wut der Bauern | ZDF spezial

BAUERN-PROTESTE IN DEUTSCHLAND: Landwirte drehen auf – Wieder Blockaden von Autobahnen

https://www.facebook.com/groups/2411249295837385/?hoisted_section_header_type=recently_seen&multi_permalinks=3194280247534282

https://www.facebook.com/groups/2411249295837385/

In Germania, un’ondata di agricoltori arrabbiati si sta riversando sulle autostrade

altro documento:

Demo-Woche mit Traktoren: Bauern protestieren in ganz Deutschland

Estratti:

Perché gli agricoltori tedeschi protestano?

Una protesta simile si è verificata a dicembre, quando il governo dei semafori del Cancelliere Scholz ha fatto infuriare gli agricoltori, mettendo a punto piani per abolire l’esenzione dalle tasse automobilistiche per i veicoli agricoli e le agevolazioni fiscali per il diesel agricolo. Le proposte facevano parte di un pacchetto di misure volte a colmare un buco di 17 miliardi di euro nel bilancio 2024.

La scorsa settimana il governo ha parzialmente fatto marcia indietro, dichiarando che l’esenzione fiscale per i veicoli a motore sarà mantenuta e che le riduzioni delle imposte sul diesel saranno scaglionate su tre anni.

Fonte: 08/01/2024

https://de.euronews.com/green/2024/01/08/demo-woche-mit-traktoren-bauern-protestieren-in-ganz-deutschland

documento:

 E poi, il Guardian riporta il simbolo “tanto chiaro quanto sinistro” scelto dagli agricoltori tedeschi per esprimere il loro malcontento nei confronti del governo in questo inizio d’anno: “lungo le strade di campagna del paese, si sono viste delle forche di fortuna appese a dei cartelli stradali con semafori, con riferimento ai colori dei tre partiti al potere”. Secondo il quotidiano britannico, si tratta di un “cambiamento d’umore radicale in un paese a lungo noto per il suo approccio consensuale alle relazioni sociali e industriali, soprattutto se lo si confronta con il suo vicino francese, più tradizionalmente incline allo sciopero”. In vista delle imminenti elezioni negli Stati orientali della Germania di quest’anno, alcuni agricoltori temono che la rabbia di oggi possa fare il gioco dell’estrema destra dell’AfD.

Documento:

Germania: contadini che scendono in strada questa settimana arrabbiati

FILE PHOTO: People stand beside tractors, as German farmers take part in a protest against the cut of vehicle tax subsidies, near the Brandenburg Gate in Berlin, Germany, December 18, 2023. REUTERS/Christian Mang/File Photo

Durante le proteste del 18 dicembre, sono stati avvistati simboli estremisti, come i giubbotti con un “semaforo” al posto dell’impiccato, simbolo del governo tripartito di Olaf Scholz, che raggruppa il partito socialdemocratico dell’SPD (rosso), i liberali dell’FDP (giallo) e i Verdi.

https://www.la-croix.com/economia/germania-arrabbiati-gli-agricoltori-scendono-in-la-strada-questa settimana-20240107

documento:

In Germania si moltiplicano le proteste contro l’estrema destra

18//01/2024, estratti:

Ma la coalizione di governo, che in particolare ha accettato di scaglionare la soppressione dell’esenzione, non intende fare ulteriori concessioni nel momento in cui deve risparmiare diversi miliardi di spese di bilancio per conformarsi a un richiamo all’ordine dei giudici costituzionali.

Fonte:

https://www.lefigaro.fr/flash-eco/allemagne-les-agriculteurs-menacent-de-nouvelles-manifestations-20240118

documento:

In Germania si moltiplicano le proteste contro l’estrema destra

La rivelazione di un progetto di espulsione di massa di persone di origine straniera, allo studio di movimenti di estrema destra, fa scendere migliaia di tedeschi nelle strade. L’argomento che sarà discusso giovedì al Bundestag mette sotto pressione l’AfD.

“Fuori i nazisti.” “Combattere insieme contro l’AfD.” “L’AfD – precursore del fascismo.” Martedì sera, secondo i dati della polizia, erano circa 30.000 a Colonia a manifestare contro l’estrema destra. Lunedì è stato il turno di Essen, Rostock e Lipsia per vedere più di 15.000 persone scendere in strada in un freddo polare. “Mai più fascismo”, gridavano i manifestanti.

Domenica, oltre 20.000 persone hanno partecipato a un grande raduno contro l’estrema destra a Berlino, vicino alla porta di Brandeburgo, mentre circa 10.000 hanno marciato per le strade di Postdam, alla periferia di Berlino, affiancati dal Cancelliere Olaf Scholz e dal Ministro degli esteri Annalena Baerbock.

Di Emmanuel GraslandPubblicato il 17 gen. 2024 alle 16:39

fonte:

https://www.lesechos.fr/monde/europe/en-allemagne-les-manifestations-se-multiplient-contre-lextreme-droite-2046962

Altro documento:

Il “piglio” degli agricoltori tedeschi sta mettendo sotto pressione il governo

Estratti:

Scaldandosi le mani sopra un barbecue, Steffen Gerber pulisce le ultime tracce di stanchezza da un rovescio della manica. Il giorno prima, alle 11.00 del mattino, ha lasciato con il trattore la sua azienda di cereali della Bassa Sassonia, nel nord della Germania, e da allora non ha più dormito. La fine dell’esenzione fiscale sul diesel e sui veicoli agricoli che ha scatenato il movimento è per lui solo “la goccia che fa traboccare il vaso”.

Naturalmente, il governo si è tirato indietro rispetto alle prime mosse, rateizzando fino al 2026 l’eliminazione dell’esenzione che deve fruttare 920 milioni al bilancio dello Stato, “ma l’aumento arriverà comunque”. La tassa sul diesel, pari a circa 20 euro per ettaro, ammonterebbe ancora a 60.000 euro all’anno, per la sua gestione di 3.000 ettari di cereali, soia o mais, si calcola.

Fonte:

https://www.lesechos.fr/monde/europe/le-ras-le-bol-des-agriculteurs-allemands-met-le-gouvernement-sous-pression-2046407

documento:

In Germania gli agricoltori stanno temporaneamente abbandonando le proteste per negoziare con il governo,

estratti:

È giunto il momento di porre fine alle proteste, almeno per i prossimi giorni, di contattare i deputati e di organizzare discussioni incentrate su soluzioni, ha detto Rukwied, aggiungendo che gli agricoltori ora “hanno un profilo basso” per dimostrare che sono pronti a discutere.

Poco prima di Natale, il governo tedesco ha dovuto operare tagli per colmare un buco di bilancio di 17 miliardi di euro, dopo che la sua proposta iniziale di bilancio era stata dichiarata incostituzionale dalla Corte costituzionale. Per ridurre le spese, il governo ha anche deciso di abolire alcune sovvenzioni agli agricoltori.

Fonte:

https://www.euractiv.fr/section/agriculture-alimentation/news/en-allemagne-les-agriculteurs-cessent-temporairement-les-manifestations-pour-negocier-avec-le-gouvernement/

Altra documentazione:

Facebook 19/01/2024, estratti da interventi sulla pagina di:

Demos zwei! Deutschland Vernetzt sich

Macht den Laden DICHT! Erst wenn nix mehr LÄUFT, wird das Volk WACH & die Regierung MUSS FÜR das Volk “regiern” Wunschtraum!

Chiudete il negozio! Solo quando non funzionerà più nulla, il popolo si sveglierà e il governo DEVE “governare” per il popolo – una chimera!

Düsseldorf:

Die Landwirte haben beschlossen, den Bauernverband (DBV) bei Demonstrationen in der Zukunft nicht mehr einzuladen.

Landwirte und Organisatoren treffen sich nun zur Lagebesprechung! Sie werden selbständig aktiv!

Es sind die Generationsbetriebe, die nach der WEF verschwinden müssen!

An alle Landesgruppen und Bauernfreunde — setzteuch zusammen, indoktriniert Verbände und bildet einen runden Tisch aus Bauern und Verbrauchern!

Düsseldorf:

Gli agricoltori hanno deciso di non invitare più l’Associazione degli agricoltori (DBV) a manifestazioni in futuro.

Gli agricoltori e gli organizzatori si riuniscono ora per discutere della situazione! Diventate attivi in totale autonomia!

È la generazione delle imprese che deve scomparire dopo il WEF!

A tutti i gruppi regionali e amici agricoltori sedetevi insieme, indottrinate le associazioni e formate una tavola rotonda di agricoltori e consumatori!

Jeden Tag sollen sich die Bürger nach Berlin gehen, fahren die Politik soll nun zu spüren bekommen das Sie nur noch Scheiße bauen, unfähig ist ein Land zu stützen und die Wirtschaft zu stärken. Diese Regierung hat unzählige Firmen in die Insolvenz getrieben, die Energiepreise in die Höhe getrieben.

Ogni giorno i cittadini dovrebbero andare a Berlino e i politici dovrebbero sentirsi come se stessero commettendo errori e non fossero in grado di sostenere un paese e rafforzarne l’economia. Questo governo ha costretto innumerevoli imprese a fallire e ha fatto lievitare i prezzi dell’energia.

altri interventi:

Anch’io sono felice. Dobbiamo mantenerli, perché la carne della stampante 3D è già in fase di preparazione. Vuoi mangiare questo?

La cosa più importante è che il governo risponde.

Ho una domanda. Tante brave persone stanno protestando contro l’AFD in questo momento. Dove sono queste persone quando si tratta dei nostri agricoltori, panettieri, artigiani e così via? Quando si tratta del sostentamento della classe media? Il governo sta organizzando una campagna anti-destra per dividere la popolazione e allontanare i dem dagli agricoltori, o si sente qualcosa a riguardo dai media. È un peccato che così tante persone siano accecate dalla mentalità verde della sinistra e quindi non riconoscano i veri problemi.

Cara Berlinoise e Berlinoise. Il vostro aiuto è urgentemente necessario per la veglia dei contadini. La polizia ha tolto loro i tagli di fuoco li ha vietati per il futuro. Quindi ha cercato di cacciare i contadini, ma questo non li aiuta, condivideteli per favore

une coupe de feu pour se réchauffer ou cuire un repas
un taglio di fuoco

Il vento gira
Noi imprenditori di Eichsfeld non vedremo scomparire il nostro futuro.
Insieme, siamo aziende di trasporto merci, artigianato, parrucchieri, macellai, pittori, essiccatoi, panettieri e molti altri… Con tutti gli uomini e le donne che si mobilitano per il nostro futuro comune.

Per l’unità, per la giustizia e la libertà. Insieme diciamo: “È finita”…

Nei Paesi Bassi, in Olanda

il 9 gennaio 2024: 1) Le aziende (agricoltori) olandesi si uniranno anche agli agricoltori tedeschi… In questo momento a Emden! 2)Gli agricoltori di Groning chiudono il confine di Bellingwolde.

https://www.facebook.com/hashtag/boerenonderelkaar

Dal 2022, gli olandesi hanno capito cosa sta succedendo e quale soluzione stanno mettendo in atto per salvare la loro agricoltura.

Pays-Bas les gens créent des coopératives pour acheter leur nourriture directement aux fermiers

Nel frattempo, in Olanda, la gente ha appena avviato una propria cooperativa alimentare per scavalcare i supermercati e comprare direttamente dagli agricoltori.

In Francia

https://www.facebook.com/reel/1093222721694422

Senza dimenticare qui l’esempio conosciuto a Colmar in Alsazia dal 2017: gli agricoltori acquistano un supermercato per vendere direttamente i loro prodotti

Il sito web del negozio Coeur Paysan a Colmar.

La battaglia continua…

Il 19 gennaio 2024 le proteste degli agricoltori tedeschi proseguiranno e si terranno altri raduni entro la fine di gennaio.

Vi invitiamo a sfogliare le pagine di queste associazioni locali. Una stazione di servizio in un villaggio sta organizzando uno sciopero, ma al mattino apre solo per consentire ai trattori di rifornirsi di carburante prima di salire su un convoglio e bloccare strade o autostrade. I convogli vengono applauditi quando si attraversano villaggi o città.

Tuttavia, dal punto di vista politico la situazione è chiara: molti dimostranti e cittadini hanno capito che non ci si può più aspettare nulla dai politici e dai partiti politici che ancora sostengono questo governo. Vogliono tornare a pratiche di democrazia diretta locale partecipativa: sviluppare tavole rotonde tra agricoltori e consumatori, spiegare alle altre associazioni di cittadini cosa succede con questa politica per prendere la terra dei contadini e gestirla con la proprietà collettiva di grandi gruppi finanziari.

La questione agricola non è isolata.

Dalla nascita del capitalismo, i leader neoliberali hanno seguito una strategia consolidata: procedere a piccoli passi, ma continuare a muoversi senza scatenare rivolte popolari.

L’agricoltura, che è al centro della questione dell’ecologia e della gestione del nostro ambiente naturale, è anche al centro dell’alimentazione e della salute. L’Agenda 2030 delle neoliberali mira a trasformare la nostra alimentazione e la nostra salute. Siamo tutti coinvolti, oltre il 99 per cento dell’umanità.

Le contraddizioni del capitalismo e gli eccessi di questi dirigenti finanziari continuano come se non esistesse più alcun rischio di sanzione penale e politica.

La produzione di batterie per automobili

“In Ungheria, Lungo il parco industriale del sud di Debrecen [seconda città dell’Ungheria], si sta delineando un cantiere gigantesco: l’impianto di produzione di batterie elettriche della società cinese CATL [Contemporary Amperex Technology Co. Limited], il più imponente complesso chimico mai costruito in Ungheria”.

altro documento sull’argomento:

Polemica sulla mega fabbrica di batterie CATL in Ungheria: uno scontro tra ORBAN e SOROS?

Questa enorme fabbrica userà enormi risorse di acqua ed elettricità. Questa elettricità proverrà da centrali termiche a carbone. In breve, questo progetto è già un disastro ambientale. Per non parlare dell’importazione di lavoratori asiatici, necessaria perché i giovani ungheresi preferiscono lasciare il proprio paese.

Anche in Polonia il bilancio ambientale del governo precedente è problematico.

In Polonia, il bilancio del PiS è costellato di scandali ambientali

“Abbattimento nella foresta di Białowieża, muro al confine, gestione delle foreste politicizzata, ripetuti scandali ecologici, disastro ecologico nel fiume Oder… Il bilancio ambientale del PiS, negli ultimi otto anni, è stato particolarmente evidenziato dai difensori della natura. Situazione attuale e cosa promette la prossima coalizione pro-europea in materia”.

Siamo tutti vittime dei metodi utilizzati dai dirigenti del sistema capitalista

Il nostro dossier “I nostri cari nemici” dell’alta finanza mondiale presenta quelle famiglie di banchieri internazionali che da almeno tre secoli hanno preso il potere sulle monarchie europee, poi sugli industriali degli Stati Uniti d’America e infine sull’economia mondiale.

Abbiamo dimostrato le loro procedure abituali: prestare denaro che crea liberamente attraverso le banche centrali private di cui sono creatori e proprietari. Usano la loro moneta falsa per favorire i crediti e indebitare tutti. Poi innescano crisi bancarie e finanziarie per chiedere il rimborso dei crediti e prendere i beni di coloro che non possono più rimborsare. Speculano sui mercati per creare bolle finanziarie che distruggono per rovinare le persone, e poi comprano a basso prezzo i beni, i beni e il patrimonio delle persone che hanno rovinato.

Per ottenere profitti eccezionali impossibili in tempo di pace e per conquistare le ricchezze dei paesi che rifiutano il sistema capitalista, o meglio, i paesi che hanno adottato il regime comunista che hanno selezionato e finanziato per prendere il potere in Russia e nelle repubbliche sovietiche, hanno organizzato due guerre mondiali e le guerre che sono seguite dal 1945 ad oggi.

La critica al sistema di potere capitalista e finanziario è nota, con alcune citazioni per convincerci:

Questa oligarchia finanziaria anglosassone sta distruggendo le nostre economie e nel suo piano Agenda 2030, di cui abbiamo già parlato, vuole distruggere gli stati e i loro servizi pubblici, le nostre società e le loro culture ereditate dalle loro storie particolari.

Dal 2022 e dalla fine del Covid 19, i leader politici selezionati da questi nuovi padroni del mondo si sono attivati per distruggere le economie nazionali e sviluppare ciò che osano chiamare “la libertà dei mercati”. L’Unione europea è diventata il bersaglio prioritario in queste grandi manovre mondialiste.

Prima degli agricoltori e degli allevatori c’è stata la siderurgia soprattutto francese: le imprese nazionalizzate sono un orrore politico da eliminare immediatamente per i dirigenti della Commissione europea di Bruxelles. La fine della siderurgia in Lorena è stato il primo passo di questa distruzione per i profitti dei capitalisti. Allo stesso tempo, l’industria tessile è stata la prima a delocalizzare le proprie fabbriche nei paesi con i salari più bassi. La produzione di automobili ha seguito fin dall’apertura dei paesi dell’Est alle regole europee.

Quando queste delocalizzazioni sono finite, le crisi finanziarie dal 2006 e la speculazione sui mutui immobiliari negli Stati Uniti hanno rovinato molte imprese e molti risparmiatori grazie ai prestiti tossici venduti dalle banche di Wall Street. C’è stata la crisi del debito pubblico con il caso della Grecia che serve da esempio per le prossime eliminazioni degli stati. Le guerre recenti hanno tutte origine da conflitti per il controllo delle energie, del petrolio, del gas. Ogni volta il prezzo dei carburanti schizza alle stelle e fa infuriare i cittadini.

Dopo la crisi del Covid 19 e il sorprendente successo delle misure di contenimento della popolazione (io stesso ho avuto paura che i vicini mi denunciassero perché le mie gite nella foresta duravano per molto più di un’ora!), i leader neoliberali stanno accelerando le loro misure autocratiche come se si sentissero già vincitori. Le democrazie rappresentative non possono più intimorire i giochi politici di fronte alle minacce dei partiti di estrema destra, giochi perversi dei cittadini che non vogliono più questi politici al potere.

Ma continuano a servire i loro padroni. Dopo aver indebitato gli stati “con un denaro da matti”, è arrivato il momento di ripagare. Le politiche di austerità vengono attuate nei paesi in cui sono saliti al potere due o tre secoli fa. Il risparmio e il patrimonio degli europei è il tesoro più importante del mondo. I cittadini devono impoverirsi, non ricevere più aiuti. In questo modo saranno costretti ad attingere ai loro risparmi e soprattutto a vendere il loro patrimonio.

In questa strategia volta a conquistare la ricchezza dei cittadini, c’è il caso particolare degli agricoltori e dei contadini che possiedono le terre nelle nostre campagne. Questa politica degli stati e dei conti finanziari per indebitare al massimo gli agricoltori e gli allevatori porta un nome nel diritto penale: truffa. La stessa truffa del 2006 durante la crisi dei subprime con i mutui subprime. Esistono certamente limiti all’indebitamento di un agricoltore e alla sua obbligazione a rimborsare crediti sempre più consistenti. Per seguire questa strategia, subentrano le tasse, in particolare sui carburanti o sul prezzo dei fertilizzanti.

Nel gennaio 2024, la crisi agricola che si sta diffondendo in Europa non è una novità, né tantomeno un movimento imprevisto. Le soluzioni immediate possono riguardare le imposte sui carburanti e le misure di sostegno alla tesoreria. La truffa continuerà il suo cammino e le sue distruzioni finché questi tiranni saranno al potere nel loro sistema di potere.

Il nostro lettore ha in fondo a questa pagina un elenco degli indirizzi per trovare i nostri documenti del nostro dossier sulle pratiche dell’oligarchia finanziaria anglosassone

Il futuro dell’Unione europea

La conclusione è chiara: i nuovi paesi dell’Europa orientale, senza menzionare l’Ucraina, rappresentano un terreno fertile per investimenti che prometteranno elevati profitti agli investitori.

E’ stato così per le delocalizzazioni di fabbriche nel settore automobilistico e soprattutto per le fabbriche francesi. Vi è stato poi il caso dell’”idraulico polacco” e poi degli autotrasportatori dei paesi dell’est. Anche le banche si sono attivate in Polonia. Senza dimenticare l’agricoltura. Prima della guerra, a seguito dell’invasione russa, le pianure dell’Ucraina divennero di proprietà di molte aziende americane, o almeno dell’oligarchia anglosassone.

Tralasciando lo scandalo dei gasdotti con la Russia, le metaniere importano ora il gas liquefatto americano.

Gli agricoltori europei e tutti i cittadini hanno capito chi governa l’Unione europea e per quali risultati. La politica agricola comune è stata abbandonata in quanto contraria alla libertà dei mercati agricoli gestita dalla borsa di Chicago. Si chiama ancora Politica Agricola Comune, ma non ha più nulla in comune e non ostacola più la libertà dei mercati. La Commissione europea impone l’apertura del proprio mercato alle importazioni da paesi che non rispettano le stesse norme di qualità o le stesse misure sanitarie.Le misure per la protezione dell’ambiente e della salute degli agricoltori vengono abbandonate per aumentare i profitti dell’industria chimica, farmaceutica e agroalimentare.

“Il paziente che smonta e poi il rifiuto a sorpresa da parte del Parlamento di Strasburgo del regolamento europeo sui pesticidi (SUR) segnano probabilmente la fine di un’epoca, la conclusione di ciò che ha costituito, negli ultimi trent’anni, una sorta di evidenza. Nel corso di questo periodo che sta per concludersi, l’Unione europea è stata generalmente garante di un miglioramento pressoché costante della tutela dell’ambiente e della salute, attraverso la costruzione di norme comunitarie e l’introduzione nei diritti nazionali di numerosi strumenti di tutela della natura e della salute pubblica”.

L’Unione europea non protegge più i cittadini, è il tramite fedele dell’ideologia neoliberale e degli interessi dell’oligarchia anglosassone. Tutti gli attuali manifestanti lo hanno capito.

Allora perché voler continuare a discutere con gli attuali governi e con i dirigenti del sistema neoliberale?

Un contadino sa piegarsi per lavorare la terra, la terra che è bassa… ma perché strisciare per terra davanti agli stivali dei dirigenti dei sistemi di potere? Perché accettare gli ordini dei finanzieri che vogliono conservare i loro profitti mirabolanti con le loro sostanze chimiche da utilizzare in agricoltura mentre uccidono a morte lenta i lavoratori della terra? Perché abbandonare l’allevamento e l’agricoltura al nostro interno per dover importare OGM e animali allevati al di fuori dei nostri criteri sanitari?

Perché sempre loro e non noi? Perché ce lo proibiscono? Per arricchirsi sempre di più e impoverirci ancora?

L’ultimo periodo di prosperità in Europa risale a 700 anni fa proprio quando le città libere e le assemblee comunali gestivano i beni comuni con la proprietà comune… e non con la proprietà privata dei mezzi di produzione o la proprietà collettiva dei monarchi e dei tiranni.

Internet ci serve oggi per organizzare le nostre manifestazioni, le nostre lotte, spiegare ciò che ci impongono e ciò che vogliamo, noi, per i nostri interessi.

Nel novembre 2019, il nostro campo di Gilet gialli si è limitato a un rifugio di fortuna fatto di pallet di legno e teloni di plastica e a un falò. Eravamo vicini a un incrocio stradale per bloccare o filtrare il traffico, in campagna, fuori dai villaggi. L’organizzazione era minimalista e il numero di volontari presenti molto variabile. Non avevamo una piattaforma di scambio per strutturare il nostro movimento con Internet. Nei nostri accampamenti c’erano una o due persone con i loro computer collegati via WiFi per sapere cosa ci dicevano i giornali e i media o per postare qualche foto dell’accampamento. Ma questo era tutto. Il movimento era stato spontaneo, impreparato e nessun sindacato o associazione corrispondeva al nostro movimento. La nostra rabbia spaventava, troppo facilmente spaventava le brave persone che odiano le violenze capaci di disturbare il loro conformismo.

Ci siamo scambiati per conoscerci, ma non è stato facile, perché da un lato vi erano i disoccupati, persone in condizioni di grande povertà e, dall’altro, lavoratori dipendenti, certo, ma in condizioni di precarietà o di disagio morale a seguito di molestie psicologiche, licenziamenti abusivi, periodi di provocati da autocratici o addirittura tirannici e abietti.

Le nostre rivendicazioni si sono limitate alla nostra volontà di essere presi in considerazione, presi in considerazione, non dimenticati perché non avevamo più nulla da perdere. Nessuno ci ha invitati nel suo fienile o in un capannone, figuriamoci in una sala pubblica del comune. Solo la nostra rabbia che ha alimentato i nostri falò aveva senso… soprattutto per noi.

Il villaggio globale è una realtà virtuale, ma sono ancora necessarie strutture sociali in grado di comunicare e scambiarsi.

Le manifestazioni degli agricoltori sono organizzate tra persone che si conoscono da tempo, lavorano insieme in cooperative o sindacati. Lo vediamo in Germania o in Francia, nei Paesi Bassi, in Belgio o altrove. Gli agricoltori viaggiano su un convoglio di trattori in tutta la Germania, in diverse regioni della Francia…

Camionisti, ferrovieri si uniscono allo sciopero e alle proteste. I leader sindacali chiameranno in causa i politici.

Le nostre tavole rotonde

I cittadini che hanno capito perché le nostre lotte devono sconfiggere le politiche criminali contro la nostra alimentazione e la nostra salute in nome della loro Agenda 2030, questi cittadini svegli sono in grado di governarsi per il popolo, senza sistemi di potere e i loro leader.

Le nostre lotte sono globali contro il loro sistema di governo globale, del quale non abbiamo alcun bisogno!

Tra gli interventi dei manifestanti sulle loro pagine dei social network, abbiamo mantenuto la volontà di non utilizzare più l’aiuto del sindacato degli agricoltori, ma di sviluppare tavole rotonde tra agricoltori e consumatori.

Dobbiamo iniziare le nostre democrazie locali dirette partecipative con una prima misura politica che annunci le nostre assemblee politiche locali, le nostre reti di vita. Il nostro sito fileane.com dal febbraio 2002 rimette in funzione le istituzioni delle nostre Reti di Vita, vietate in Francia da venerdì 13 ottobre 1307.

Le assemblee politiche locali si riuniscono nelle loro città libere. Una città libera riunisce diversi comuni intorno a una città e costituisce il primo passo per l’organizzazione politica, economica, sociale, culturale e per la fornitura di cibo e acqua, nonché di energia per l’unione locale. Nel periodo medievale, l’ultimo periodo fiorente in Europa, i contadini e i contadini più importanti erano nominati nel comitato di gestione della città libera. Più tardi, in Francia, i cavalieri templari come i cavalieri teutonici in Germania hanno sviluppato l’economia rurale e il trasferimento di sapere e ricchezza tra i rendimenti in crescita ottenuti nelle città da artigiani e commercianti e i rendimenti in calo dell’agricoltura. Questa alleanza, questa complementarità tra le due fonti di rendimento economico è la base necessaria e indispensabile del circolo virtuoso della crescita della ricchezza nelle nostre società. I nostri anziani l’hanno fatto, tocca a noi farlo di nuovo!

Spetta a noi decidere in base alle nostre peculiarità locali, alle nostre culture regionali o nazionali. Inizialmente dobbiamo organizzare la guardia dei falò per la notte, poi dobbiamo organizzare la guardia dei nostri luoghi di assemblee politiche, la guardia delle nostre campagne e delle nostre città e così sviluppare la Sicurezza e la Difesa delle Nostre Reti di Vita.

Per organizzare il Lavoro, i nostri team di progetti di vita stabiliscono le loro missioni e poi i loro obiettivi, convalidati dall’azione politica della città libera. Stabiliscono i Buoni Lavoro che la banca della nostra città libera accetta una volta che il lavoro è fatto. Il raggiungimento della Qualità totale permette di convalidare la soluzione ottimale ottenuta con il nostro approccio di sussidiarietà nella fase di avvio del progetto del nostro gruppo di lavoro. Questa soluzione ottimale convalidata permette lo scambio delle nostre solidarietà tra gruppi di progetto e tra le città libere unite nella Confederazione.

Commenti letti su Facebook e ripresi qui per continuare il dibattito:

Nel 2002, con Frontpage avevamo un forum per lo scambio con i nostri lettori e poi abbiamo aperto il nostro forum “Ananda” gestito da un amico. Dopo la nostra separazione, ho continuato questo sito da solo senza forum ma con una pagina Facebook aperta solo agli “amici FB”. Da qui, quando si presenta l’occasione, la ripresa dei loro commenti su FB sul nostro sito con solo le iniziali dei loro pseudonimi e la menzione “fonte privata” del webmaster. Il più delle volte i loro contributi sono stati condivisi sulla nostra pagina FB dove sono accessibili.

Qui abbiamo persone truffate. Truffare in modo sistematico.

manifestations agriculteurs tracteurs janvier 2024

24 gennaio 2024: post di T.S., giornalista freelance

Per informazione:

  • Il prezzo di vendita di un trattore agricolo da 50cv a 100cv varia tra 20 000 e 60 000 euro al netto delle tasse.
  • Il prezzo di vendita di un trattore agricolo da 150cv a 200cv varia tra 70 000 e 120 000 euro al netto delle tasse.
  • Il prezzo di vendita di un trattore agricolo da 250cv a 300cv varia tra 130 000 e 170 000 euro al netto delle tasse.
  • Il prezzo di vendita di un trattore agricolo da 350cv a 400cv varia tra 180 000 e 220 000 euro al netto delle tasse.
  • Il prezzo di vendita di un trattore agricolo da 450cv a 500cv varia tra 240 000 e 300 000 euro al netto delle tasse.
  • Il prezzo di vendita di un trattore agricolo da 550cv a 600cv varia tra 310 000 e 350 000 euro al netto delle tasse.

Queste immagini e questa situazione ci dimostrano l’esistenza di paradossi e il fallimento del nostro sistema agricolo (a sua volta legato al sistema politico). Sistema altamente corrotto e influenzato da rapaci, mafia, predatori della finanza, bankster e lobbisti dell’agricoltura industriale, agroalimentare, chimica e molti altri, che scambiano gli agricoltori per vacche da latte. Anche se fanno affari con le stesse mucche.

Che ironia…

La realtà è davanti ai vostri occhi, per vederla, sostituite i trattori con auto di lusso, dello stesso prezzo, o addirittura con case (e anche più per alcuni trattori). È la realtà. Li vedete le Ferrari, le Lamborgini e gli altri bolidi miliardari?

Non c’è un bug in questa immagine?

Qui abbiamo persone truffate. Truffare in modo sistematico. Questo mestiere sacro, è sotto il controllo di una minoranza di persone che si servono di queste persone, per la maggior parte in buona fede, per fare tune sulle loro spalle e soddisfare i loro desideri (tra gli altri). Così si sono trovati bloccati nel circolo vizioso dell’economia liberale (e fascista) consistente nel dover investire sempre di più, per guadagnare, diciamo, di più e vivere sempre meglio.

Cose che nella realtà si sono tradotte in un maggiore indebitamento per guadagnare meno, ma dare di più ai loro nuovi signori che sono i rapaci brevemente elencati sopra. Non c’è dubbio che la rabbia sarà incanalata, indirizzata e usata in modo che, ancora una volta, una minoranza possa trarne vantaggio, e il nostro sistema possa continuare a esistere. Perché è essenziale per i rapaci, che gli agricoltori possano continuare ad esistere e pagare i loro debiti, senza suicidarsi. Gli agricoltori sono per i predatori politico-economici, l’equivalente degli animali, dei campi di patate e di barbabietole, che gli agricoltori. I rapaci faranno in modo che possano continuare ad essere schiavi del loro sistema.

L’acquisizione del controllo dei terreni agricoli ucraini

Le importazioni a basso costo dei prodotti agricoli ucraini sono costantemente messe in discussione dai commenti sui social media e dalle dichiarazioni rilasciate dagli agricoltori alla televisione.

La guerra in Ucraina, inizialmente appoggiata dagli Usa, probabilmente non riguarda solo il gas russo, ma anche il gas di scisto importato dagli Usa. Anche l’agricoltura si aggiunge alla manovra dell’oligarchia anglosassone per indebolire l’Europa e saccheggiarne le ricchezze. La Commissione europea di Bruxelles ha favorito queste importazioni agricole per aiutare l’Ucraina che ha perso i suoi mercati in Russia e nei paesi sotto l’influenza di Mosca. Ma in questo modo permettiamo agli oligarchi che possiedono le vaste tenute agricole in Ucraina di vendere la loro produzione a basso prezzo in Europa attraverso la sua rete della grande distribuzione.

Il caos nell’agricoltura europea può prolungarsi da una manifestazione all’altra e da paese a paese. Gli europei non-agricoltori saranno nutriti dalle importazioni dal Nord e dal Sud America e ora anche dall’Ucraina. Lo stesso modello di produzione agricola, con vaste aree di proprietà di miliardari e multinazionali guidate dall’alta finanza mondiale, ha buone possibilità di sconfiggere gli agricoltori europei.

documento: estratti

Dall’invasione russa del febbraio 2022, la guerra in Ucraina è diventata un tema centrale della politica estera e dei media. Tuttavia, è stata prestata scarsa attenzione a una questione fondamentale che è al centro del conflitto: chi controlla i terreni agricoli nel paese noto come il “granaio d’Europa”?

La superficie totale dei terreni controllati da oligarchi, individui corrotti e grandi aziende agroalimentari ammonta quindi a più di nove milioni di ettari, pari a più del 28% dei terreni coltivabili del paese. Il resto viene utilizzato da più di otto milioni di agricoltori ucraini.

I proprietari delle terre ucraine oggi sono un mix di oligarchi e interessi stranieri di varia natura – principalmente europei e nordamericani, tra cui un fondo di investimento privato con sede negli Stati Uniti e il fondo sovrano dell’Arabia Saudita. Ad eccezione di una, le dieci società che controllano la maggior parte dei terreni sono registrate all’estero, principalmente in paradisi fiscali come Cipro o Lussemburgo.

La relazione individua numerosi importanti investitori, tra cui Vanguard Group, Kopernic Global Investors, BNP Asset Management Holding, NN Investment Partners Holdings (controllata di Goldman Sachs) e Norges Bank Investment Management, che gestisce il fondo sovrano norvegese. Inoltre, negli Stati Uniti diversi grandi fondi pensione, fondazioni e dotazioni universitarie hanno investito nei terreni ucraini attraverso NCH Capital, un fondo di private equity con sede negli Stati Uniti, che è il quinto maggiore proprietario di terreni in Ucraina.

La maggior parte di queste imprese è indebitata con istituzioni finanziarie occidentali, in particolare la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS), la Banca europea per gli investimenti (BEI) e la Società finanziaria internazionale (IFC), ovvero il ramo del settore privato della Banca mondiale. Insieme, queste istituzioni sono state importanti finanziatori delle industrie agroalimentari ucraine, con quasi 1,7 miliardi di dollari in prestiti a sei delle più grandi industrie agroalimentari degli ultimi anni.

Questo finanziamento internazionale avvantaggia direttamente gli oligarchi, molti dei quali accusati di frode e corruzione, nonché i fondi stranieri e le società collegate in quanto azionisti o creditori. Nel frattempo, gli agricoltori ucraini devono lavorare con terra e finanziamenti limitati, e molti di loro sono ora sull’orlo della povertà. I dati mostrano che questi agricoltori non ricevono praticamente alcun sostegno rispetto agli agrobusiness e agli oligarchi. Il Fondo di Garanzia Parziale del Credito della Banca Mondiale a sostegno dei piccoli agricoltori ammonta a soli 5,4 milioni di dollari, una cifra trascurabile rispetto ai miliardi stanziati per le grandi imprese agroalimentari.

Il rapporto descrive come l’aiuto occidentale sia vincolato a un drastico programma di aggiustamento strutturale, che include misure di austerità, tagli alle reti di sicurezza sociale e privatizzazione di settori chiave dell’economia. Una delle condizioni essenziali è stata la creazione di un mercato fondiario, istituito nel 2020 sotto il presidente Zelenskyy, nonostante l’opposizione della maggioranza degli ucraini che temeva che avrebbe esacerbato la corruzione nel settore agricolo e rafforzato il controllo da parte di interessi potenti.

Le conclusioni della relazione confermano tale preoccupazione, dimostrando che la creazione di un mercato fondiario probabilmente aumenterà ulteriormente la quantità di terreni agricoli nelle mani degli oligarchi e delle grandi imprese agroalimentari. Queste ultime hanno già iniziato ad ampliare la loro base fondiaria. Kernel ha annunciato l’intenzione di aumentare la sua riserva fondiaria a 700.000 ettari, rispetto ai 506.000 ettari del 2021. Allo stesso modo, MHP, che attualmente controlla 360.000 ettari di terreno, sta cercando di espandere i propri possedimenti a 550.000 ettari. La MHP eluderebbe altresì le restrizioni relative all’acquisto di terreni chiedendo ai suoi dipendenti di acquistare terreni e di affittarli all’impresa.

Nel dicembre 2022 una coalizione di organizzazioni contadine, accademici e ONG ha invitato il governo ucraino a sospendere la legge sulla riforma agraria del 2020 e tutte le transazioni fondiarie sul mercato durante il periodo bellico e postbellico, “al fine di garantire la sicurezza nazionale e la salvaguardia dell’integrità territoriale del paese in tempo di guerra e durante il periodo di ricostruzione postbellica”. Come spiega la professoressa Olena Borodina dell’Accademia Nazionale delle Scienze dell’Ucraina (NASU), “oggi migliaia di bambini e bambine nelle campagne e agricoltori combattono e muoiono in guerra. Hanno perso tutto. I processi di vendita e di acquisto di terreni sono sempre più liberalizzati e sono oggetto di pubblicità. Questo mette a repentaglio i diritti degli ucraini sulla loro terra, per la quale stanno dando la vita”.

In un’epoca in cui sofferenze e sfollamenti sono enormi, innumerevoli vite sono andate perdute e ingenti risorse finanziarie sono state spese per controllare l’Ucraina, la relazione suscita grandi preoccupazioni per il futuro dei terreni agricoli e della produzione alimentare nel paese, che rischia seriamente di consolidarsi e di essere sempre più controllato da oligarchi e interessi stranieri.

fonte: Guerra e spoliazione: acquisizione del controllo dei terreni agricoli ucraini, 21 settembre 2023.

fine del documento

“Dall’Ucraina arrivano anche gli alimenti per l’infanzia biologici…Chernobyl ti saluta ma BIOLOGICO.”

Ci ritroviamo qui con i soliti metodi dell’oligarchia finanziaria anglosassone e con l’uso della guerra per massimizzare i propri profitti indebitando pesantemente un paese, e questo è nuovo, riscattando le terre i cui proprietari sono stati uccisi in guerra. La mancanza di morale del capitalismo, il cinismo terrificante dei neoliberali, sono nuovamente all’opera in Europa.

Il movimento degli agricoltori europei non riuscirà a salvare le sorti dei suoi membri cercando di costringere i governi ad abolire le tasse sul carburante dei trattori o a ottenere nuove sovvenzioni. I responsabili di questo movimento degli agricoltori devono aprirsi alle rivendicazioni delle altre categorie sociali, accettare tra loro i vecchi giubbotti gialli, ascoltare le lamentele di tutti i cittadini che oggi li sostengono.

L’Unione europea non deve seguire “il modello ucraino” né il modello capitalista attuato altrove da fascisti, tiranni al soldo dell’oligarchia finanziaria anglosassone che da tre secoli persegue la distruzione del capitalismo.

La nostra rivolta riguarda la nostra indipendenza alimentare, il controllo della nostra salute, la nostra libertà per non sottometterci finalmente più a questo sistema di potere capitalista neoliberale. Possiamo vivere meglio senza questi sistemi di potere. Gli olandesi ci mostrano la strada da seguire. Organizziamo le nostre Reti di Vita!

Continua a leggere

logo de la nasa Nuovo

La NASA ammette che il cambiamento climatico è dovuto a cambiamenti nell’orbita solare della terra.

27 Ottobre 2022

Estratti di documento: Per oltre 60 anni, la National Aeronautics and Space Administration (NASA) sa che i cambiamenti che si verificano nei regimi climatici planetari sono completamente naturali e normali. Ma l’agenzia spaziale, per qualsiasi motivo, ha scelto di lasciare la bufala del riscaldamento globale dell’origine umana persistono e si diffuse, a scapito della libertà […]

velo_hydrogene_pragma_photo Nuovo

Polvere di idrogeno: questa invenzione ha tutto per diventare il carburante del futuro.

27 Ottobre 2022

Abbiamo seguito il file di idrogeno come fonte di energia per molto tempo. Alcuni anni fa eravamo entusiasti della bici della batteria idrogeno realizzata nel paese basco: Il Pragma basco vende i suoi generatori di elettricità idrogeno in Giappone La società specializzata in bici elettriche fornite con idrogeno ha sviluppato un mini-gruppo che genera generatore […]

covid vaccination Nuovo

Dire le 4 verità al Ministero della Salute

5 Dicembre 2022

Aggiornamento del 23/11/2022 Dati pubblici affidabili da alcuni paesi, come quelli del Regno Unito. documento: Pungere papi e nonna per salvarli o per ucciderli? La domanda sorge davvero quando conosciamo i dati pubblici affidabili di alcuni paesi, come quelli del Regno Unito. In effetti, due rapporti della British Health Security Agency (UKHSA) lo dimostrano: i […]