La storia dell’operazione di sabotaggio Nord Stream 2

Proseguono le indagini sul sabotaggio di Nord Stream 2

ma il contesto geopolitico è rimasto immutato, così come lo scontro tra le due superpotenze, USA e Russia. La spiegazione, quindi, resta o sull’azione degli Stati Uniti o su quella della Russia stessa.

documento: del 29 aprile 2023

Secondo il quotidiano danese Information, una nave della marina russa specializzata in operazioni sottomarine era presente nei pressi dei luoghi dei sabotaggi dei gasdotti poco prima delle esplosioni.

Che cosa stava facendo l’SS-750 nella regione, quattro giorni prima della rottura dei due gasdotti? Per Joakim von Braun “è molto probabile che queste navi siano state coinvolte nell’operazione di sabotaggio”. D’altronde, evoca Information, il fatto stesso che motovedette danesi, svedesi e polacche siano state inviate nella zona in quel momento conferma che, per questi paesi, “qualcosa di sospetto si è verificato intorno al 21-22 settembre”.

Il New York Times aveva dichiarato all’inizio di marzo, sulla base delle informazioni consultate dall’intelligence americana, che il sabotaggio sarebbe stato perpetrato da un “gruppo filo-ucraino”, ma senza il coinvolgimento del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Per anni, i due gasdotti sono stati al centro di tensioni geopolitiche, alimentate dalla decisione di Mosca di tagliare le forniture di gas all’Europa come presunta rappresaglia contro le sanzioni occidentali.

documento: del 7 giugno 2023

Un’inchiesta del “Washington Post” rivela che la CIA era stata informata da un’agenzia di intelligence di un paese europeo che forze ucraine si apprestavano a sabotare il gasdotto Nord Stream.

È quanto rivelano documenti riservati, diffusi online in primavera. I servizi statunitensi sarebbero stati informati in dettaglio del piano nel giugno 2022, ossia tre mesi prima dell’attacco.

Il giornale si basa sulle informazioni tratte dai numerosi documenti confidenziali che sarebbero stati pubblicati online dal giovane militare americano Jack Teixeira, prima che la fuga di notizie fosse scoperta dall’esercito e dal sospetto arrestato a metà aprile. Tali documenti indicavano che un’agenzia di intelligence di un paese europeo non specificato aveva informato la CIA in una relazione, quattro mesi dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, che alcuni sommozzatori militari rispondenti direttamente al comandante in capo delle forze armate ucraine prevedevano questo attacco contro Nord Stream.

Secondo il Washington Post, i servizi di intelligence statunitensi sono da tempo preoccupati per le operazioni che l’Ucraina vorrebbe condurre contro la Russia, che potrebbero trasformare la guerra in un conflitto diretto tra Mosca e gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO. Lo scorso febbraio, l’agenzia di intelligence militare ucraina ha accettato, “su richiesta di Washington”, di rinviare attacchi previsti su Mosca, secondo un altro documento classificato trapelato. Da allora, il 30 maggio scorso è stato lanciato un raid di droni sulla capitale russa, un’offensiva senza precedenti, e incursioni armate si moltiplicano nella regione russa di Belgorod, al confine con l’Ucraina. Kiev continua a difendersi da qualsiasi coinvolgimento in questi attacchi.

fine dei documenti

La ricerca di moventi tra gli stati presenti nel conflitto tra Russia e Ucraina:

movente 1: la Russia è la grande vincitrice di questa operazione di sabotaggio.

La Russia sapeva che la sua invasione dell’Ucraina avrebbe portato all’imposizione di sanzioni economiche e di un embargo sulle esportazioni di gas e petrolio. Sapeva anche che questo sabotaggio avrebbe avuto conseguenze negative sull’attività economica della Germania, principale base NATO vicina alla zona di conflitto e che ha basato il suo sviluppo sull’uso del gas russo a basso costo.

Allo stesso tempo, la mancanza di gas russo nell’Europa occidentale avrebbe provocato una crisi energetica e limitato gli aiuti europei all’Ucraina.

L’arrivo del gas di scisto e del petrolio americano per compensare questa perdita delle importazioni provenienti dalla Russia richiederà diversi anni e questo dopo la fine della guerra contro l’Ucraina per il suo collegamento al blocco russo, alla Grande Russia, la cui provincia era stata un pilastro economico sia sul piano agricolo che su quello industriale.

E dobbiamo aggiungere la distruzione martedì 6 giugno 2023 della diga ucraina di Kachovka. La Russia che ne aveva il possesso aveva i mezzi per minare questa diga per ottenere una tale distruzione e l’inondazione di una regione che diventa impossibile da superare temporaneamente per l’esercito ucraino. Ma questo vale anche per l’Ucraina, che non potrà più essere invasa dalle truppe russe nell’immediato futuro se non per le disastrose conseguenze civili ed economiche che comporta.

La logica di questo sabotaggio impegna la responsabilità russa. Da qui a ritornare così presto sulla responsabilità del sabotaggio del gasdotto Nord Stream 2, c’è solo una scorciatoia della storia da percorrere…

movente 2: gli Stati Uniti sono i grandi vincitori di questo sabotaggio

Nel seguente documento dell’8 febbraio 2023, pubblicato dal giornalista investigativo Seymour Hersh, gli Stati Uniti hanno cercato per diversi anni il modo di fermare l’arrivo del gas in Europa e specialmente in Germania. Il loro obiettivo è vendere il loro gas di scisto e il loro petrolio in Europa.

La logica è quindi pienamente in azione durante questo sabotaggio di Nordstream 2.

Tuttavia, nell’operato dei servizi segreti è consuetudine che non si attacchi un paese alleato come la Germania o d’ora in poi l’Ucraina, ma che si sottragga tale azione ad un altro paese alleato.

L’esempio della rete Echelon creata dalla NSA per controllare le telecomunicazioni via satellite è noto per il fatto che questa missione è stata subappaltata all’Inghilterra per quanto riguarda il controllo dell’Europa.

Le sanzioni economiche contro la Russia hanno avuto come conseguenza delle difficoltà dell’economia russa e l’assenza di introiti derivanti dalle esportazioni di gas e petrolio non consente alla Russia di sostenere uno sforzo bellico ad alto livello imposto dalla resistenza militare dell’Ucraina.

Per l’industria degli armamenti americana, al contrario, ritrova i profitti miracolosi da soli possibili che in tempo di guerra.

La questione dell’esternalizzazione del sabotaggio all’Ucraina?

Si tratta di una soluzione ottimale sia per gli Stati Uniti che per la NATO, in quanto l’Ucraina è il primo paese coinvolto a indebolire l’economia russa, eliminando le esportazioni di gas verso la Germania.

movente 3 : l’Ucraina decide da sola l’azione del sabotaggio per indebolire l’economia russa

Anche in questo caso la spiegazione è chiara e logica.

La volontà dei dirigenti ucraini di allearsi con l’Europa non ha avuto una risposta chiara e definitiva sull’accettazione di questa richiesta altamente strategica e geopolitica. Gli accordi di Minsk del 2014 non sono mai stati applicati e rispettati.

La storia europea della seconda guerra mondiale dimostra la mancanza di volontà e di solidarietà per eliminare la minaccia nazista in Germania, così come la minaccia del comunismo sostenuta dall’Unione Sovietica di Stalin.

Abbiamo dimostrato che la spiegazione di questa situazione è nota poiché sono stati i dirigenti dell’alta finanza anglosassone che dal 1919 hanno preparato e poi finanziato la seconda guerra mondiale principalmente perché l’esercito tedesco conquistasse le ricchezze della Russia per i loro profitti più immensi dai banchieri del nuovo governo mondiale.

Gli eventi del Maidan, invece, hanno dimostrato chiaramente che la maggioranza degli ucraini vuole separarsi dall’influenza russa e da Putin.

Allora perché non prendere in mano il proprio destino e uscire da questo gioco perverso tra americani, europei e russi?

La storia dell’Ucraina ha dimostrato il suo ruolo principale nella vittoria sovietica del 1945 e poi il suo ruolo preponderante nell’economia sovietica.

Il 24 febbraio 2022, la Russia lancia un’invasione militare dell’Ucraina.

Il 26 e 27 settembre 2022 i gasdotti Nord Stream 1 e 2 sono stati colpiti da gravi perdite di gas.

Come possiamo immaginare che la Germania e l’Europa possano aiutare l’Ucraina con tutta la loro forza, proprio quando questa potenza industriale ed economica si basa in gran parte sull’uso massiccio del gas russo? È vero che le sanzioni economiche contro la Russia sono state adottate sin dall’invasione russa, ma questa volontà di utilizzare in massa il gas russo in Europa non è scomparsa.

I politici europei, ancora una volta, possono sacrificare l’Ucraina per conservare questa risorsa energetica così comoda e disponibile con i gasdotti Nord Stream 1 e 2?

Tagliare questo nodo gordiano è vitale per l’Ucraina al fine di unire il sostegno europeo e soprattutto americano, le cui conseguenze di questo sabotaggio le sono comunque molto vantaggiose.

Siamo a questo punto per quanto riguarda le indagini il 7 giugno 2023. Come spesso accade, bisognerà attendere la revoca del segreto di Stato sugli archivi segreti degli Stati per capire veramente cosa è successo. Tranne per il fatto che, negli ultimi anni, la digitalizzazione di questi archivi ha reso molto facile la fuga di notizie. E così è stato negli Stati Uniti.

documento per una conclusione non definitiva ad oggi

“C’è un’altra domanda da fare oltre a chiedersi cui bono? (a chi giova?) – ovvero: per chi era più facile compiere questo sabotaggio? Se la marina russa fosse stata in grado di condurre un’operazione di sabotaggio su vasta scala, nel bel mezzo di una zona marittima circondata da paesi NATO o candidati, a 300 km dalla più vicina base navale russa, i russi avrebbero ridicolizzato la NATO. Sarebbe stata una dimostrazione impressionante delle capacità russe in materia di guerra dei fondali marini.

Ma i russi avrebbero potuto compiere la semplice distruzione di Nord Stream 1 e 2 – senza alcun effetto dimostrativo – molto più facilmente alla loro porta, nel Golfo di Finlandia.Per contro, le cose erano molto più facili per la NATO: non più tardi di giugno, la sesta flotta americana, con i suoi partner della NATO, ha effettuato esercitazioni al largo di Bornholm, durante le quali sono stati anche testati veicoli sottomarini senza pilota .L’esercitazione BALTOPS 22 avrebbe potuto servire da test o da sfondo mimetico per installare ordigni esplosivi sui gasdotti. Certo, al momento non ci sono prove che la pratica sia stata esercitata paternalmente da nessuna delle parti coinvolte, ed è improbabile che si possa mai realizzare un’indagine realmente indipendente. Ma l’osservatore imparziale si pone una domanda: mai un ladro ha gridato “al ladro!”?

fonte: Ralph Bosshard il tenente colonnello svizzero (cr) (in pensione) nel suo articolo:

Sabotaggio dei gasdotti Nord Stream: un esperto militare svizzero dissipa la nebbia

8 febbraio 2023

autore: https://substack.com/profile/3455155-seymour-hersh Traduzione di Bruno Bertez

Estratti dall’articolo:

La decisione di Biden di sabotare gli oleodotti è arrivata dopo oltre nove mesi di dibattiti molto segreti all’interno della comunità per la sicurezza nazionale di Washington sul modo migliore per raggiungere questo obiettivo. Per la maggior parte di quel tempo, la questione non era se fare l’incarico, ma come portarlo a termine senza che si potesse avere la minima idea di chi fosse il responsabile.

Fin dal suo esordio, Nord Stream 1 è stato visto da Washington e dai suoi partner NATO anti-russi come una minaccia per il dominio occidentale. La società holding che ne è alla base, Nord Stream AGNord Stream AG, è stata costituita in Svizzera nel 2005 in partenariato con Gazprom, una società russa quotata in borsa che genera enormi profitti per gli azionisti, dominata da oligarchi noti per essere sotto l’influenza di Putin. Gazprom controllava il 51% della società, quattro società energetiche europee — una in Francia, una nei Paesi Bassi e due in Germania-che si dividevano il restante 49% dello stock e avevano il diritto di controllare le vendite a valle del gas naturale a basso costo a distributori locali in Germania e in Europa occidentale. I profitti di sono stati condivisi con il governo russo, e le entrate statali di petrolio e gas sono state stimate in alcuni anni a circa il 45 per cento del bilancio annuale della Russia.

I timori politici dell’America erano reali: Putin avrebbe potuto disporre di un’importante fonte di reddito supplementare e indispensabile, e la Germania e il resto dell’Europa occidentale sarebbero diventati dipendenti dal gas naturale a basso costo fornito dalla Russia, riducendo al contempo la dipendenza dell’Europa dagli Stati Uniti. In realtà, è proprio quello che è successo.

La marina militare ha proposto di utilizzare un sottomarino recentemente messo in servizio per attaccare direttamente la conduttura. L’Aeronautica militare ha discusso lo sgancio di bombe con dispositivi ritardati che potrebbero essere messi in moto a distanza. La CIA ha sostenuto che qualsiasi cosa si faccia dovrebbe essere segreta. Tutte le persone coinvolte hanno capito la posta in gioco. “Queste non sono cose per bambini”, ha detto la fonte. Se fosse rintracciabile negli Stati Uniti, “Questo è un atto di guerra.

La marina norvegese ha trovato rapidamente il posto giusto, nelle acque poco profonde del Mar Baltico a pochi chilometri al largo dell’isola danese di Bornholm. Le condutture hanno corso a più di un miglio l’una dall’altra lungo un fondale marino che aveva solo 260 piedi di profondità. Sarebbe ben alla portata dei sommozzatori, che, operando a partire da un cacciatore di miniere norvegese di grande classe, si immergerebbero con una miscela di ossigeno, azoto ed elio che fuoriesce dai loro serbatoi e pianterebbero cariche di C4 sulle quattro condutture con coperchi protettivi in cemento. Sarebbe un lavoro noioso, lungo e pericoloso, ma le acque al largo di Bornholm avevano un altro vantaggio: non c’erano grandi correnti di marea, il che avrebbe reso molto più difficile il compito dei sommozzatori.

Il 26 settembre 2022 un aereo di sorveglianza P8 della marina norvegese ha effettuato un volo apparentemente di routine e ha sganciato una boa sonar. Il segnale si è propagato sott’acqua, dapprima verso Nord Stream 2 e poi verso Nord Stream 1. Poche ore dopo, gli esplosivi C4 ad alta potenza sono stati innescati e tre delle quattro condotte sono state disattivate. Nel giro di pochi minuti, delle pozze di metano rimaste nelle tubature chiuse potevano riversarsi sulla superficie dell’acqua, e il mondo ha imparato che qualcosa di irreversibile era accaduto.

Alcuni mesi dopo, quando è emerso che le autorità russe avevano ottenuto con discrezione stime dei costi di riparazione degli oleodotti, il New York Times ha descritto la notizia come “complicando le teorie su chi c’era dietro” l’attacco. Nessun giornale americano ha citato le precedenti minacce agli oleodotti da parte di Biden e del sottosegretario Nuland.

fine degli estratti:

leggi tutto l’articolo:

https://brunobertez.com/2023/02/08/ne-manquez-pas-revelation-le-recit-de-loperation-de-sabotage-de-nord-stream-2-voila-che-va-en-gener-molti/?fbclid=IwAR16yd84rSNdRWtCgO3NVlf-cVyWhlPk6WurQ04bg5JigLGZY4iRCpY5lJU

Commenti

Abbiamo seguito questo caso dal 2019 e abbiamo scritto il Discorso del poeta alla città di Belfort. General Electric (GE) voleva chiudere l’attività delle turbine a gas e di altre turbine a Belfort per trasportare i macchinari nelle sue fabbriche degli Stati Uniti. Era un modo per privare l’Europa delle turbine a gas e per far sì che le decisioni su tali turbine fossero prese dal governo americano. Il gasdotto Nordstream 2 era in fase di completamento e per utilizzare questi nuovi volumi di gas naturale sarebbero stati necessari nuovi impianti con turbine a gas.

Avevamo scritto che per salvare Belfort e le sue turbine a gas, i russi dovevano intervenire per opporsi alla volontà americana di chiudere lo stabilimento.

Presente sul web dal febbraio 2002, fileane.com e il suo team hanno capito che con Internet tutto può sapere e questo più o meno rapidamente. Certo, le operazioni per controllare, censurare, chiudere siti web, esistono, ma gli informatori si moltiplicano e gli internauti meglio informati, capiscono più chiaramente cosa succede in questi conflitti organizzati dai dirigenti del governo mondiale anglosassone.

La distruzione politica di Nord Stream 2 mediante il sabotaggio era prevista in concomitanza con l’invasione russa dell’Ucraina.

La rivoluzione della Dignità, nota anche come rivoluzione di Maidan, o rivoluzione di febbraio, ha avuto luogo tra il 18 e il 23 febbraio 2014, in seguito all’Euromaidan. Ben presto la scelta politica non riguarderà più l’indipendenza dalla Russia, ma anche dagli Stati Uniti e dalle attività militari della NATO in Europa. Il governo filorusso viene cacciato, ma i manifestanti vengono sopraffatti dal clan filoeuropeo e americano. E inizia la guerra dell’Ucraina contro le regioni filorusse.

Il marzo 2022 Nord Stream 2 SA ha annunciato il licenziamento di tutto il suo personale e ha presentato istanza di fallimento a seguito delle sanzioni adottate da Germania, Unione europea e Stati Uniti in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. Engie è un creditore di Nord Stream 2 SA sotto forma di un prestito dell’ordine di un miliardo di euro; il suo titolo è sceso di oltre il 13% alla Borsa di Parigi.

Il 26 e il 27 settembre 2022 i gasdotti Nord Stream 1 e 2 sono stati colpiti da gravi fuoriuscite di gas, che si sono manifestate sulla superficie del Mar Baltico a causa di frane di diverse centinaia di metri di diametro a seguito di diverse detonazioni subacquee.

Il sabotaggio della conduttura si avvale delle tecnologie più avanzate.

Prima di tutto nel lavoro dei sommozzatori. Questo articolo lo dimostra e presenta la Scuola Speciale Sub della Marina degli Stati Uniti.

L’uso delle bombe viene successivamente innescato da un segnale acustico a bassa frequenza prodotto da una boa sonar. L’articolo di stampa presenta bene questa scelta tecnologica di utilizzare le sonde acustiche a bassissima frequenza come quelle dei “flauto”, questi sonar a bassissima frequenza che sotto forma di tubi seguono i sottomarini parecchi chilometri dietro di loro per trovare il silenzio più grande. Sono collegati da un filo che contiene un cavo in fibra ottica in modo che questi segnali rilevati raggiungano il calcolatore del sottomarino con la velocità della luce.

I boe sonar, soprattutto nel Baltico, sono abbondanti per rilevare i movimenti dei sottomarini russi proprio come i russi li usano per rilevare i movimenti dei sottomarini americani o quelli della NATO. Quindi un’altra non è un problema.

Per contro, in questo sabotaggio dei due gasdotti, il segnale a bassa frequenza viene emesso per innescare un innesco a scoppio ritardato in modo da confondere le piste e da non poter collegare questo segnale al sabotaggio. È una novità perché questi segnali a bassa frequenza non vengono utilizzati per questo tipo di operazioni, ma poiché questo tipo di sabotaggio è anche una novità del resto terribilmente inquietante…?

In conclusione

Nel febbraio 2023, ora sappiamo più chiaramente cosa poteva essere dedotto con un ragionamento razionale dal momento in cui sono avvenuti i fatti.

Nel novembre 2023, due sondaggi giornalistici hanno rivelato chi ha organizzato il sabotaggio dei gasdotti

Documento:

Nord Stream 1 e 2: ufficiale ucraino responsabile del sabotaggio dei gasdotti

Il colonnello Chervinski avrebbe diretto la squadra che ha fatto esplodere, nel settembre 2022, i due gasdotti nel Mar Baltico, secondo un’indagine congiunta dello “Spiegel” e del “Washington Post”. Il diretto interessato smentisce ciò che potrebbe diventare un affare imbarazzante per Volodymyr Zelensky.

Di Thomas Wieder (Berlino, corrispondente) Pubblicato il 12 novembre 2023, alle 23:30

fine del documento

Noi europei e francesi siamo di fronte alla guerra in Ucraina e all’assenza di gas e petrolio russi. La sottomissione agli interessi anglosassoni del governo mondiale avrà come conseguenza un impoverimento dell’Europa sul piano politico, economico, sociale, militare e culturale.

Il risparmio degli europei si ridurrà a causa dell’inflazione e della guerra dei prezzi dell’energia che si ripercuote immediatamente sui prodotti alimentari. Il loro patrimonio immobiliare e mobiliare perderà un valore importante con l’aumento dei tassi di interesse per i crediti bancari, da un lato, e con l’impoverimento generale della popolazione che non sarà più in grado di pagare l’acquisto di beni immobili e mobili di valore elevato, dall’altro. La distruzione dei servizi pubblici, in particolare in Francia, proseguirà e accelererà con governi acquisiti al dogma neoliberale anglosassone.

Siamo in guerra, ma dobbiamo scegliere da che parte stare e sconfiggere per conquistare la pace indissociabile dalla nostra audacia per riconquistare la nostra Libertà.

Le nostre lotte hanno un obiettivo comune che fileane.com descrive, spiega: lasciare i sistemi di potere che ci asservono a politiche criminali. Sappiamo vivere liberi senza di loro!

Continua a leggere

logo de la nasa Nuovo

La NASA ammette che il cambiamento climatico è dovuto a cambiamenti nell’orbita solare della terra.

27 Ottobre 2022

Estratti di documento: Per oltre 60 anni, la National Aeronautics and Space Administration (NASA) sa che i cambiamenti che si verificano nei regimi climatici planetari sono completamente naturali e normali. Ma l’agenzia spaziale, per qualsiasi motivo, ha scelto di lasciare la bufala del riscaldamento globale dell’origine umana persistono e si diffuse, a scapito della libertà […]

velo_hydrogene_pragma_photo Nuovo

Polvere di idrogeno: questa invenzione ha tutto per diventare il carburante del futuro.

27 Ottobre 2022

Abbiamo seguito il file di idrogeno come fonte di energia per molto tempo. Alcuni anni fa eravamo entusiasti della bici della batteria idrogeno realizzata nel paese basco: Il Pragma basco vende i suoi generatori di elettricità idrogeno in Giappone La società specializzata in bici elettriche fornite con idrogeno ha sviluppato un mini-gruppo che genera generatore […]

covid vaccination Nuovo

Dire le 4 verità al Ministero della Salute

5 Dicembre 2022

Aggiornamento del 23/11/2022 Dati pubblici affidabili da alcuni paesi, come quelli del Regno Unito. documento: Pungere papi e nonna per salvarli o per ucciderli? La domanda sorge davvero quando conosciamo i dati pubblici affidabili di alcuni paesi, come quelli del Regno Unito. In effetti, due rapporti della British Health Security Agency (UKHSA) lo dimostrano: i […]