Parte 2 – Sistemi di potere

La logica del sistema capitalista industriale

la sua contestazione: Vivere liberi lavorando  o morire combattendo

La tariffa o la morte.

Confisca degli aumenti di produttività

Caso pratico:

Intorno al 1825, un industriale proprietario di una filatura possiede dei telai per filare del modello A che fabbricano 100 pin all’ora. Supponiamo che il dipendente che si occupa di questa macchina venga pagato 10 franchi all’ora, ossia 10 centesimi per mandrino. 

Due anni più tardi, l’evoluzione tecnologica mette sul mercato dei telai per filare che producono 200 pin all’ora. Gli aumenti di produttività del capitale tecnico sono notevoli e gli industriali che non avranno queste nuove professioni saranno inevitabilmente battuti da coloro che le useranno. L’industria, per svilupparsi, deve quindi essere tra i primi a poter acquistare queste nuove macchine se non è in grado di fabbricare essa stessa macchine innovative. Per mantenere questa capacità di investire e seguire il progresso tecnologico, imporrà il seguente calcolo: 

La macchina produrrà 200 pin ma il dipendente non ha nulla a che vedere con questo progresso tecnologico, continuerà ad essere pagato 10 F all’ora, ma nulla potrà impedirgli di calcolare la sua nuova tariffa per le monete: questa sarà divisa qui per due, passerà a 5 centesimi per pin. Questa nuova tariffa sarà ingiustamente apprezzata rispetto alle manipolazioni che raddoppieranno e affaticheranno di pari passo il dipendente. 

I canuts si ribelleranno lanciando questo slogan che sarà ripreso per tutto il XIX secolo: ” la tariffa o la morte “. “Vivere liberi lavorando o morire combattendo”.

La rivolta dei canut di Lione

 I canuts hanno rapidamente compreso la logica del sistema capitalista industriale e la rifiutano.

 Le canut sono artigiani della seta con una grande qualificazione professionale e il cui mestiere è riconosciuto dall’aristocrazia che porta i risultati dei loro lavori.

Rovinati dai nuovi stabilimenti industriali installati nella periferia di Lione che producono di più e a minor costo e dalla crisi economica del 1830, questi artigiani non hanno altra scelta che assumere come operai in questi nuovi stabilimenti o restare a casa a lavorare 18 ore al giorno.

Diventare un lavoratore dipendente e non essere più il proprio capo passerebbe ancora se fossero associati allo sviluppo delle loro fabbriche, ma l’applicazione di queste regole del calcolo del salario a pezzo o della tariffa oraria li farà capire la natura esatta delle regole di questo nuovo sistema industriale.

Adeguatamente istruiti nel calcolo della gestione, rifiuteranno questo sistema e si ribelleranno come avveniva qualche decennio prima durante la Rivoluzione. La tariffa altrimenti è meglio preferire morire che accettare questa spoliazione del lavoro: la rivendicazione non poteva essere più legittima, giustificata come era dall’aumento dei ritmi.

Storia della rivolta dei canut a Lione: 

22 novembre 1831, a Lione. Gli operai presero possesso della caserma del Buon Pastore, saccheggiarono le armerie. Diversi corpi di guardia dell’esercito o della Guardia nazionale furono attaccati e incendiati. Gli operai si fecero padroni della città, che fu evacuata dalle autorità. La battaglia è dura. Circa 600 vittime, di cui circa 100 morti e 263 feriti sul lato militare, e 69 morti e 140 feriti sul lato civile. 

23 novembre 1831, a Lione. Gli operai occupano il municipio. Nasce un tentativo di governo insurrezionale. Ma, sia per mancanza di un progetto politico, sia per l’astuzia delle autorità, queste ultime riprenderanno il controllo della città a partire dal 2 dicembre 1831. Un esercito di 26.000 uomini, 150 cannoni comandati dal figlio del re e dal maresciallo Soult, combatté la ribellione. Ci sono 600 morti e 10 000 persone sono espulse dalla città. 

la révolte des canuts à Lyon en 1831

9 aprile 1834, a Lione, inizio della seconda insurrezione dei Canuti. Dopo il fallimento degli scioperi di febbraio e il voto della legge contro le associazioni operaie, il giudizio dei leader di febbraio, questo 9 aprile, ha dato fuoco alle polveri. L’esercito occupò la città e i ponti, ma già le prime sparatorie scoppiarono con la truppa, che sparò sulla folla disarmata. Immediatamente le strade si coprono di barricate. Gli operai organizzati presero d’assalto la caserma del Buon Pastore e si barricarono nei quartieri facendone dei veri e propri campi trincerati, come alla Croix Rousse. È l’inizio della “Settimana sanguinosa”.

10 aprile 1834, Nuove sparatorie avvengono con la truppa. Gli insorti si impadronirono del telegramma, del quartiere della Guillotière, poi di Villeurbanne dove le caserme furono prese. La bandiera nera sventola su Fourvière, St Mizier e l’Antiquaille.

11 aprile 1834. I combattimenti proseguono. Il quartiere della Croix Rousse è bombardato dalla truppa che ha ricevuto rinforzi, massacro di tutti gli abitanti dell’edificio della rue Transnonain. Tentativi di insurrezione a Santo Stefano e a Vienna. 

12 aprile 1834. La truppa attaccò e prese il quartiere insorto della Guillotière, dopo aver distrutto numerose case con l’artiglieria. 

Il 14 aprile 1834, l’esercito riconquistò progressivamente la città e attaccò per la terza volta il quartiere della Croix Rousse, massacrando numerosi operai. 

15 aprile 1834, a Lione. Fine della “Settimana del sangue”. La seconda grande insurrezione dei Canut è soffocata nel sangue. Ancora una volta si contano oltre 600 vittime. 10.000 insorti fatti prigionieri furono processati in un “processo mostro” a Parigi nell’aprile 1835, e condannati alla deportazione o a pesanti pene detentive.

La repressione della rivolta dei canut da parte della Monarchia

La rivincita della monarchia sulla rivoluzione del 1789

La monarchia reprimerà crudelmente questa rivolta. I fratelli di Luigi XVI e i nobili ebbero l’occasione di prendere la loro rivincita.

Essi applicheranno il diritto di proprietà individuale del 1789 e in questo rispetteranno questo diritto fondamentale ottenuto dal popolo francese, ma questo diritto servirà ora a fondare il loro monopolio sulla proprietà dei mezzi di produzione e sui profitti ricavati dagli aumenti di produttività. Un esercito reale di 26.000 uomini pose fine alla prima rivolta del 1831. Nel 1834, durante la seconda rivolta, l’esercito dovette sparare al cannone per ridurre gli insorti. 

La paura di rivedere una nuova repubblica popolare.

 La prova di forza del 1831, condotta dagli industriali, ebbe successo solo con la paura della Monarchia di rivedere le rivolte popolari instaurate da una nuova repubblica capace di proteggere la proprietà del lavoro dei cittadini e di rimettere in piedi una proprietà collettiva organizzata dalla comunità degli operai.

L’esercito divenne così, meglio della religione cattolica, il vero difensore del sistema di potere. Preferendo affidarsi ai soldati piuttosto che ai salariati, il potere intraprese anche una strada criminale che gli avrebbe permesso di sacrificare sempre più soldati per sostenere il suo sistema. Secondo l’espressione celebre: la spada e il capro espiatorio al servizio della nuova borghesia d’affari che ha preso il potere in Francia e negli altri paesi industrializzati.

La rivoluzione del 1848 instaurò i Laboratori Nazionali, vero e proprio ritorno alla proprietà collettiva per gli operai, ma le leggi economiche e la concorrenza del sistema capitalista, la mancanza di spirito d’impresa tra la popolazione dopo la partenza dei protestanti, non consentirono a questa rivoluzione di portare ad un reale progresso.

Piuttosto che vedere il ritorno della Monarchia, il popolo e l’esercito preferirono il ritorno al potere napoleonico. La repubblica borghese del 1871 proseguì su questa strada e senza scrupoli massacrò la Comune di Parigi e ogni discussione sul suo sistema di potere al servizio dei capitalisti.

Il culmine di questo sistema fu raggiunto negli anni 1916-1917 con il massacro di centinaia di migliaia di soldati in poche settimane durante la guerra di trincea durante la prima guerra mondiale. Non furono i romantici, scrittori, pittori e musicisti che, celebrando il tempo delle cattedrali e i cavalieri, i popoli celti, egiziani e altri, poterono reintrodurre reti di resistenza e di solidarietà protette da nuovi cavalieri in armi.

Libertà di fissare i salari sul mercato del lavoro

Il capitalismo sistematizzerà questo metodo di calcolo: la fissazione del salario deve essere libera in funzione del mercato per rispettare il diritto di proprietà individuale degli imprenditori. Mentre l’esodo rurale si installa a vantaggio delle fabbriche e delle città, coloro che rifiutano la riduzione della tariffa devono andarsene e lasciare spazio ai contadini che si presentano alle porte delle fabbriche e che saranno costretti ad accettare la nuova tariffa, soprattutto se non conoscono nulla del mondo della fabbrica.

Presentiamo alcuni esempi di questi conflitti in cui lo slogan operaio rimane lo stesso: la tariffa o la morte. Con il management paternalista e il cattolicesimo conservatore, non si parlerà più di spingere gli operai alla morte ma semplicemente di sviluppare il conformismo alla necessità di sottomettersi al capitalismo che porta il progresso materiale insieme alla miseria sociale.

 Gli scioperi nella valle della Bruche 1870 – 1914

Documento:

La valle della Bruche è una valle dell’Alsazia situata tra Strasburgo e Saint-Dié, capoluogo del distretto: Molsheim 

(su questo sito web, alcune foto di questa valle vi sono presentate nell’animazione: ” il paese proibito ” dalle fate agli uomini ) 

fonte del documento: Stagione d’Alsazia, rivista pubblicata dalle Ultime Notizie d’Alsazia, edizione della Nuée-Bleue. 

“…Un’indagine della Presidenza della Bassa Alsazia, effettuata nel 1887, riguarda l’orario di lavoro e dà cifre variabili per impresa, che si situano tra le 14 e le 12.30 al giorno. Quest’ultimo dato è il più diffuso. L’orario di lavoro comune per la maggior parte delle imprese è quello applicato alla Fabrique Scheidecker di Labroque: dalle 5 alle 8.30, dalle 9 alle 13, dalle 14 alle 19.

Gli scioperi di Scheidecker-de Regel a Schirmeck e Labroque del 1886 si scatenarono a proposito dell’introduzione di una nuova tabella di salario alle monete che ne ridusse il tasso.

Essa testimonia la volontà dei datori di lavoro di recuperare a proprio vantaggio i guadagni di produttività generati dall’introduzione di macchine più moderne e più rapide.

Ciò si scontra naturalmente con il rifiuto degli operai.

Inoltre, lo sciopero si colloca al termine stesso del processo di modernizzazione, che, e questo è tipico del settore tessile, si fa progressivamente, laboratorio per laboratorio, macchina per macchina, senza chiusura di impresa, per continuare a eseguire gli ordini, ma senza alcuna indennità per gli operai i cui mestieri sono fermati dai lavori…”

François INGERSHEIM

Un esempio delle relazioni sociali nelle imprese nel 1880.

Documento:

Il regolamento di una fabbrica di Tourcoing nel 1880.

  • articolo 1
    Pietà, pulizia e puntualità rendono la forza di un buon affare.

  • articolo 2
    Poiché la nostra azienda ha ridotto considerevolmente l’orario di lavoro,
    gli impiegati d’ufficio dovranno essere presenti solo dalle 7 del mattino alle 6 della sera
    e questo solo nei giorni di settimana.

  • articolo 3
    Preghiere saranno dette ogni mattina nel grande ufficio. I collaboratori d’ufficio saranno obbligatoriamente presenti.

  • articolo 4
    L’abbigliamento deve essere del tipo più sobrio.
    Gli impiegati non si lasceranno andare alle fantasie dei vestiti di colori vivaci,
    a meno che non siano opportunamente rammendati.


  • articolo 5
    Negli uffici non si indosseranno né cappotti né cappotti.
    Tuttavia, quando il tempo sarà particolarmente rigoroso, saranno consentite sciarpe, coprinaso e calotte.

  • articolop 6
    La nostra azienda mette una stufa a disposizione degli impiegati d’ufficio.
    Il carbone e la legna dovranno essere racchiusi nel bagagliaio a questo scopo.
    Per riscaldarsi, si raccomanda ad ogni membro del personale di portare ogni giorno 4 libbre di carbone durante la stagione fredda.

  • articolo 7
    Nessun impiegato d’ufficio potrà lasciare la stanza senza il permesso del signor Direttore.
    Le chiamate della natura sono tuttavia permesse e, per cederle,
    i membri del personale potranno utilizzare il giardino al di sotto della seconda griglia.
    Naturalmente, questo spazio dovrà essere tenuto in perfetto ordine.
  • articolo 8
    È severamente vietato parlaLa sete di tabacco, vino o alcol è una debolezza umana e come tale è vietata a tutti i membri del personale.

  • articolo 10
    Ora che le ore di ufficio sono state ridotte in modo drastico, l’assunzione di cibo è ancora consentita tra le 11.30 e mezzogiorno, ma in nessun caso il lavoro dovrà cessare durante questo tempo.

  • articolo 11
    Gli impiegati d’ufficio forniranno la loro penna, un nuovo formato-penna è disponibile su richiesta dal signor Direttore.

  • articolo 12
    Un senior, nominato dal signor Direttore, sarà responsabile della pulizia e della pulizia della grande sala, nonché dell’ufficio direzionale.
    I Junior e i giovani si presenteranno al signor Direttore 40 minuti prima delle preghiere, e resteranno dopo l’ora della chiusura per procedere alla pulizia
    Ben spazzole, scope e mop e saponi saranno forniti dalla direzione.

  • articolo 13
    I nuovi salari settimanali, aumentati di recente, saranno i seguenti:
    cadetti fino a 11 anni: 0 F 50
    junior fino a 14 anni: 1 F 45
    jgiovani: 3 F 25
    impiegati: 7 F 50
    anziani ( dopo 15 anni di casa ) 14 F 50

  • I proprietari riconoscono e accettano la generosità delle nuove leggi del lavoro, ma si aspettano dal personale un aumento considerevole del rendimento come compensazione per queste condizioni utopiche.


    La Direzione.

    Fonte: Les Echos 1990, in un articolo di Alfred SAUVY.

    La cultura cattolica combatte il peccato di essere poveri

    Questo regolamento interno utilizza la cultura cattolica e declina le sue istruzioni seguendo la volontà di combattere i peccati. Il lavoro serve qui a rimettere sulla strada giusta gli esseri umani che, secondo la dottrina ispirata a Rousseau, sono corrotti dalla società, in particolare le nuove leggi del lavoro e le utopie socialiste o comuniste.

    La direzione offre più la carità, una via di riscatto per i poveri pescatori che un lavoro che contribuisce allo sviluppo politico, economico e sociale di un paese.

    La legge del 1905 che istituiva la separazione tra Chiesa e Stato tenta di porre fine a questa presa cattolica integralista nel dominio pubblico e sociale. Eppure questa cultura cattolica e monarchica si svilupperà contro le condizioni utopiche imposte dal diritto del lavoro e dai movimenti sociali. La destra cattolica e conservatrice si radicalizzò contro lo sviluppo del comunismo e della sua ideologia sostenuta dall’oligarchia finanziaria anglosassone per dividere il mondo operaio e favorire i disordini sociali se non le guerre.

    Paternalismo e ritardi nelle relazioni sociali in Francia

    Nel 1880, l’arroganza di questa direzione che mostra questo regolamento interno, caratterizzò il ritardo accumulato dal paternalismo francese nello sviluppo delle relazioni sociali in Europa.

    Abbiamo presentato il movimento protestante e in particolare lo sviluppo della società industriale di Mulhouse dal 1820. In questo Manchester alsaziano, la mutualizzazione dell’assicurazione antincendio permetterà lo sviluppo di una banca assicurativa per finanziare lo sviluppo industriale e sociale senza ricorrere a prestiti presso le banche commerciali. Negli anni 1880, Bismarck in Germania promulgò tre leggi per introdurre una previdenza sociale per gli operai e i contadini, poiché le classi medie e più ricche potevano proteggersi da sole con i loro redditi.

    Questa radicalizzazione nell’ostilità del padronato cattolico francese nei confronti delle “utopie sociali” non è scomparsa e il paternalismo francese è la causa delle nostre peggiori relazioni sociali tra i paesi industrializzati.

    Dopo la liberazione del paese nel 1945, non è stata effettuata alcuna epurazione nell’ambiente padronale francese che ha collaborato con il nazismo allo scopo di lottare contro il comunismo e non ha cessato di voler ostacolare e ridurre la sicurezza sociale messa in atto secondo il programma del Consiglio nazionale della Resistenza da ministri comunisti e dal governo del generale de Gaulle.

    Nel 2022, l’attuale governo potrebbe stigmatizzare le ingiustizie dell’attuale sistema pensionistico, ma omette deliberatamente di precisare che tali ingiustizie sono state volute e risolte dai datori di lavoro sotto la copertura dei partiti della destra conservatrice.

    Inizialmente la solidarietà del sistema di sicurezza sociale doveva basarsi sulle imposte dirette. I datori di lavoro e la destra hanno richiesto una gestione paritetica e corporativistica della previdenza sociale in modo da limitare questo finanziamento ai contributi sociali basati sul solo lavoro dei dipendenti, nonché sulle spese, gli oneri, dell’impresa. La gestione delle pensioni è piena di calcoli ingiusti per ridurre le pensioni. I responsabili saranno mai condannati?

    Al contrario, i finanzieri e i fondi d’investimento, i veri padroni del sistema economico liberale sono previsti per prendere il posto di questo padronato superato e attuare un sistema con calcoli certamente più giusti ma le cui pensioni medie diminuiranno per sviluppare i profitti dei pensionati e dei finanzieri.

    Alfred Sauvy punta il dito contro il male francese

    Nel 1990, quando Alfred Sauvy, nella sua cronaca del giornale economico Les Echos, esce dagli archivi questo Regolamento interno del 1880 di una fabbrica tessile del Nord della Francia, con la sua consueta saggezza, mette il dito su questo male francese che rode il paese da diversi secoli.

    Pensava che per sbarazzarsi di queste vecchie lune conservatrici e integraliste di destra bastasse consegnare il paese al management neoliberale anglosassone e sottometterci, come gli altri paesi europei già sottomessi, a quei padroni del mondo che in realtà non sono che tiranni al vertice della gerarchia del loro sistema di potere finanziario?

    Poteva pubblicare nella sua cronaca il resoconto di un’assemblea di una città o comune libero prima di venerdì 13 ottobre 1307? Per mostrare bene la differenza di cultura e di metodi di gestione nelle nostre istituzioni incaricate di organizzare la vita politica, economica, sociale e culturale? Conosceva la soluzione o il richiamo delle cause del male francese, nel 1990, poco prima della sua morte, fa in qualche modo parte del suo testamento politico, economico, sociale e culturale?

    Il capitalismo si adegua per respingere le sue opposizioni

    La rivolta dei canut è il primo conflitto sanguinoso per respingere il capitalismo

    La rivolta delle canut è il primo conflitto sanguinoso della società industriale che si va instaurando. La logica del sistema capitalistico è denunciata da ex artigiani, imprenditori altamente qualificati che il progresso tecnologico condanna ad impegnarsi come operai nelle nuove fabbriche tessili.

    Chiunque rifletta capisce che questa logica è insopportabile e profondamente ingiusta e insopportabile. Si deve trovare un compromesso, una soluzione.

    Le soluzioni respinte dai datori di lavoro e dai dirigenti politici

    La soluzione di una gestione comune delle imprese è possibile per soddisfare gli interessi di tutte le parti interessate, ma sopprime la proprietà privata dei mezzi di produzione per utilizzare nuovamente la proprietà comune e la gestione dei beni comuni come in epoca medievale, prima del 13 ottobre 1307 e l’instaurazione dell’assolutismo reale.

    I rivoluzionari giacobini del 1789, ancora una volta per ignoranza, non hanno cercato di utilizzare queste regole di funzionamento di un’organizzazione in reti di vita, in democrazia diretta locale partecipativa. I fratelli di Luigi XVI nel 1830, probabilmente meno ignoranti su questa fondamentale questione del loro potere monarchico, non vogliono assolutamente un ritorno alla Rivoluzione del 1789. Schiacciare le rivolte con i cannoni dell’esercito, massacrare, deportare è la loro unica risposta politica.

    Tuttavia, non è possibile proseguire lo sviluppo industriale sulla base di una tale situazione sociale catastrofica e criminale, reprimere nel sangue qualsiasi movimento operaio che si rifiuti di sottomettersi a questa logica della proprietà privata dei mezzi di produzione.

    Il potere politico e i banchieri d’affari anglosassoni devono sottomettere le popolazioni a questa logica del sistema capitalista. I mezzi sono conosciuti attraverso la storia dell’umanità.

    La sottomissione attraverso lo sviluppo della miseria sociale

    In primo luogo, lasciare le popolazioni nella miseria.

    È anche nell’interesse di un tiranno mantenere il suo popolo povero, perché sia così impegnato nei suoi compiti quotidiani che non abbia tempo per la ribellione. ” Aristotele

    Occupate a cercare di sopravvivere giorno per giorno, lasciate nell’ignoranza e senza istruzione, non hanno i mezzi per organizzarsi per migliorare la loro situazione politica, economica e sociale e come appunto questa logica della proprietà privata dei mezzi di produzione condanna i lavoratori alla povertà se non alla miseria, tanto vale conservarla. Se non sei in grado di arricchirti da solo e alla fine devi venire a chiedere lavoro alla porta delle fabbriche, non venite a contestare in più! Ubbidite e tacete!

    Quando il livello di povertà e di miseria spinge le persone a ribellarsi, i dirigenti del sistema di potere capitalista devono soprattutto evitare che questi dissidenti trovino le “giuste” soluzioni, vale a dire l’organizzazione dell’epoca medievale e le sue radici delle città greche, egiziane e delle civiltà fiorenti e umaniste che hanno sviluppato una vera arte di vivere. Chi non conosce la storia è condannato a rivivere con le sue guerre, la sua miseria, le sue ingiustizie…

    Cristiani sociali propongono la soluzione dei Diritti sociali

    I fallimenti delle rivoluzioni del 1830 e soprattutto del 1848 dimostrano quanto poco si sia progredito in questo campo rispetto al fallimento del 1789. Tuttavia, dopo il 1850, i cristiani sociali come Pierre Leroux cercarono di trarre insegnamento dalle rivolte dei canuts di Lione, così come dai fallimenti delle rivoluzioni del 1830 e del 1848.

    Pierre Leroux e la capitalizzazione dei diritti sociali

    Accettarono lo sviluppo della società industriale e sostennero le leggi sulla creazione delle società per azioni votate nel 1864, ma Pierre Leroux chiese al Parlamento di votare contemporaneamente una legge sulla capitalizzazione dei diritti sociali: dopo un numero di anni di anzianità da definire, i dipendenti ottennero delle azioni dalle loro imprese per partecipare alle decisioni, sono i diritti sociali.

    Adolphe Thiers, che aveva bisogno di questi deputati cristiani sociali per far votare la legge sulle società per azioni, li tradì rifiutandosi di presentare una legge sui diritti sociali. Da allora questo tradimento della destra cattolica e conservatrice scatenerà la radicalizzazione della sinistra.

    I dirigenti dell’oligarchia finanziaria anglosassone organizzarono il movimento comunista

    Questo primo movimento socialista, le cui posizioni sono chiare e costruttive per volere instaurare società mutualistiche, cooperative dirette dai lavoratori e dalle direzioni, sarà presto superato dal movimento comunista e dalla dottrina marxista.

    “La battaglia finale della cristianità sarà intorno al problema del denaro, e finché questo problema non sarà risolto, non ci potrà essere l’applicazione universale del cristianesimo” Onorato di Balzac.

    I banchieri che dominano le monarchie e gli stati, hanno paura di un socialismo cristiano che è in grado di rimettere in piedi l’organizzazione in rete dell’epoca medievale e del tempo delle cattedrali, senza banche private e senza centralizzare il potere politico nell’assolutismo reale o repubbliche democratiche rappresentative ma con assemblee locali che praticano la sussidiarietà e gestiscono i beni comuni.

    La setta dei puritani anglosassoni che si distinse per questi crimini durante la seconda guerra dei comuni in Inghilterra nel XVI secolo prima di sbarcare in America del Nord, in questo inizio dell’era industriale, non dimentica il suo passato per deportare i cristiani d’Irlanda e di Scozia che lottavano per conservare la cultura del cristianesimo sociale delle origini sviluppata dai monaci e dai druidi. Questi puritani sceglieranno la soluzione di sviluppare la propria opposizione, che deve essere non cristiana e deve utilizzare utopie per falsamente promettere ai popoli la possibilità di una vita materiale migliore sotto il dominio di una nuova forma di tirannia, quella del loro partito politico comunista.

    Pierre Leroux e i suoi cristiani sociali furono così eliminati. Ancora oggi la stragrande maggioranza dei comunisti, se non tutti i cittadini, ignorano la soluzione della proprietà comune con le mutue, le cooperative. Oggi l’economia solidale e i suoi militanti si presentano piuttosto come una nuova versione del capitalismo senza alcuna volontà politica di abbandonare questo sistema di potere. A Mosca, sul monumento che celebra i pensatori e i dirigenti comunisti, ci sono alcuni francesi come Proudhon, ma Pierre Leroux non vi figura e non è dimenticato, è volontario!

    Per mascherare questa rottura di fiducia tra i cittadini e i loro dirigenti, piuttosto che sostenere le idee di Pierre Leroux, del suo movimento e dei suoi amici, tra cui Victor Hugo, i banchieri anglosassoni diffonderanno le idee di Karl Marx e le sistemeranno in un’ideologia di lotta di classe. La lotta di classe è perfetta per dividere i popoli in classi che cercheranno di sviluppare tra loro conflitti sociali, guerre civili, in breve litigare tra classi sociali senza rivoltarsi contro le élite dirigenti del sistema di potere capitalista.

    I banchieri insegneranno alla popolazione, l’ideologia comunista contro la quale sarà facile puntare i partiti di destra cattolica e la sinistra repubblicana moderata. I banchieri d’affari sanno che per arricchirsi rapidamente e fortemente, nulla vale l’organizzazione di guerre che finanziano prima poi capiscono le ricchezze dei vinti come dei vincitori, poiché i belligeranti si saranno enormemente indebitati.

    La guerra civile della Comune di Parigi

    La conseguenza di questo tradimento della destra conservatrice cattolica si ritrovò nell’insurrezione della Comune di Parigi nella primavera del 1871.

    Dopo la sconfitta del 1870, la nuova assemblea eletta fu monarchica cattolica e scelse di stabilirsi a Versailles. Thiers decise di recuperare i cannoni installati a Parigi durante l’assedio della città e il suo governo commise degli errori nei confronti della popolazione e dei 150.000 uomini della guardia nazionale che difesero Parigi.

    Di fronte al vuoto di potere a Parigi, gli estremisti di sinistra prendono il potere e a seguito di elezioni poco rappresentative, proclamano la Comune di Parigi, nella confusione e senza un programma di governo diverso dall’insurrezione. Gli errori del 1790 all’instaurazione della Repubblica, in seguito alle gaffe di Luigi XVI, si ripetono.

    La via giacobina s’impadronisce del potere nell’ignoranza delle soluzioni politiche, economiche e sociali che hanno già permesso sul suolo francese un lungo periodo di pace e di prosperità quando i cittadini stessi gestivano le loro assemblee e i beni comuni, costruivano città libere, abbazie nelle campagne, cattedrali, porti, fortezze…per garantire la loro sicurezza.

    La tragica fine della Comune, a prescindere dai suoi errori politici, segnerà la responsabilità politica della destra monarchica francese e se si ritiene vincitore di questa guerra civile, ha creato una terribile sfiducia del popolo verso i suoi dirigenti e la grande borghesia insediata al potere dal 1789.

    L’oligarchia finanziaria distrugge gli imperi politici che le resistono

    I banchieri e le loro milizie sono quindi legittimati da questa lotta di classe per difendere i loro interessi e possono manipolare e finanziare i movimenti comunisti, specialmente per condurre rivoluzioni in imperi tra cui il Kaiser, lo Zar rifiutano l’instaurazione di una banca centrale privata e la sottomissione al potere di questa oligarchia finanziaria anglosassone diretta da Londra.

    Questa oligarchia finanziaria riuscirà ad espandere il suo potere sugli Stati Uniti del Nord America, e molto di più una volta che la Federal Reserve sarà stata istituita dopo il 1911, poi attaccherà gli imperi che rifiuteranno di sottomettersi al suo potere finanziario.

    L’ideologia comunista sarà mirata alla conquista di un potere centralizzato con l’imposizione di misure collettiviste e dittatoriali, col pretesto di arrivare più rapidamente a una società comunista. L’alta finanza anglosassone può quindi più facilmente mettere in piedi, controllare e manipolare questa minoranza di dirigenti comunisti per fargli commettere le misure politiche più criminali per sottomettere i cittadini. Dal punto di vista economico, questi leader comunisti non avranno altra scelta che sottomettersi alle manipolazioni decise da questi banchieri anglosassoni per dividere i cittadini, spaventarli e spingerli a chiedere governi di destra autocratici.

    La realtà storica dimostra che questa manipolazione dei comunisti da parte dei banchieri e degli industriali anglosassoni ha permesso la conquista dell’impero russo, l’instaurazione dei sovietici e di una politica economica favorevole agli investimenti americani e poi lo sviluppo del nazismo grazie anche agli investimenti economici americani, al fine di scatenare una seconda guerra mondiale tra Germania e Unione Sovietica per distruggere l’Unione Sovietica e assicurare il dominio dell’Europa attraverso il nazismo e il fascismo agli ordini dell’alta finanza mondiale. Per poco non ci riusciva…

    Torniamo su fileane.com su questa storia che questi maestri del mondo vogliono nascondere perché i popoli ignorino i loro complotti contro la vita politica, economica e sociale dell’umanità. È presentata in parte 5, nostri cari nemici.

    Vivere liberi lavorando nel 2022

    Nel 2022, la parola d’ordine delle canut di Lione: “vivere liberi lavorando o morire combattendo” è più che mai attuale.

    Tuttavia, i lavoratori devono prima liberarsi dalle ideologie che li manipolano e che sono state selezionate dall’oligarchia finanziaria per dividere i movimenti sociali, con successo fino al 2020.

    Dovettero quindi ritrovare il diritto proibito da questi maestri del mondo, questo diritto proibito che Pierre Leroux aveva intravisto attraverso l’approccio sociale del cristianesimo, ma non era tornato al funzionamento della Francia e dell’Europa, prima di venerdì 13 ottobre 1307. Leroux e Jaurès rimangono al livello delle idee senza conoscere il funzionamento delle organizzazioni in reti di vita, senza conoscere la nostra storia.

    Marx parlerà della pratica, della pratica da cui verrà la conoscenza… senza conoscere la nostra storia.

    I filosofi e i moralisti si aggrappano pietosamente alla Verità, in qualche modo le loro verità. Il poeta che ha avuto il coraggio della codardia e che è stato istruito sull’industria parla di sussidiarietà e di soluzione ottimale allo stato attuale delle nostre conoscenze. Un poeta si prende gioco della verità degli altri e della grande verità dei filosofi, mito dell’assoluto intellettualizzato con un’amara candore.

    L’alta finanza anglosassone si svilupperà per arrivare ad istituire un governo mondiale attraverso la sottomissione dei popoli alla sua ideologia liberale, sottomissione che si tradurrà nell’uccisione di centinaia di milioni di esseri umani nel corso di due guerre mondiali seguite da guerre fredde, da conflitti regionali per il dominio delle risorse minerarie ed energetiche, agricole, climatiche…e la concentrazione della ricchezza globale nelle mani di una minoranza sempre più piccola ma potente.

    Vivere liberi o morire combattendo la macchia delle Glières

    Durante la ricostruzione della macchia di Glières e dei suoi combattimenti del febbraio-marzo 1944 contro i miliziani e l’esercito tedesco, eravamo stati invitati dai nostri ufficiali e dagli ex resistenti presenti tra noi a non dimenticare questo giuramento “vivere liberi o morire combattendo”.

    Per non dover più subire la repressione delle milizie e dei soldati, poliziotti affiliati volontariamente o all’insaputa di loro spontanea volontà, a questi padroni del sistema di potere capitalista e liberale, sta a noi utilizzare ancora una volta questo diritto che ci proibiscono per rimettere in piedi le nostre città libere, regioni, paesi riuniti in potenti confederazioni capaci di mettere le nostre ragioni di vivere al centro delle nostre istituzioni.

    Dopo troppi massacri di operai nelle nostre città, di operai e di cittadini soldato sui campi di battaglia, che cosa vengono le nostre vittorie!

    Le nostre vittorie sui padroni del mondo che da secoli ci spingono a morire in guerre che non sono le nostre, ci spingono ai disordini di fronte a tante ingiustizie che ci impongono per arricchirsi sempre di più.

    Le nostre vittorie per vivere liberi, senza di loro e i loro sistemi di potere con cui le minoranze dominano e opprimono i popoli per servire gli interessi di pochi a scapito di tutti gli altri.

    Né Leroux, né Marx e l’ideologia comunista, né Jaurès e tanti altri autori, rivoluzionari, ci hanno indicato la via di queste vittorie per cacciare i dirigenti dai sistemi di potere.

    Un giurista che conosce il diritto positivo e il diritto proibito, senza essere filosofo, sociologo, politico, economista specializzato nella libertà dei mercati ma forse poeta, iniziato attraverso l’uso della nostra prima fonte di conoscenza e capace di utilizzare la complementarità tra le nostre due fonti di conoscenza, gli sa come lasciare questi padroni del mondo e i loro sistemi di potere, le disuguaglianze di reddito e di patrimonio, le crisi economiche e finanziarie, le guerre che continuano ad organizzare finché i cittadini non imparano a praticare questo diritto che ci vietano… per vivere liberi lavorando e condividere equamente le ricchezze prodotti dal lavoro di tutti, durante tutta la vita umana.

    La nostra prima vittoria consiste nel mettere in pratica la sussidiarietà nelle assemblee dei cittadini per gestire le nostre città libere e i nostri beni comuni con una moneta piena e i diritti sociali. Lo possiamo e lo valiamo bene, dove viviamo.

    Continua a leggere