LE DUE FONTI DI SAPERE

per vivere e trovare le nostre ragioni di vivere.

Traduzioni

italiane

   

La fonte personale e iniziatica

La fonte collettiva ed intellettuale

L'essere umano dotato di un'intelligenza ricercherà a dare un senso alla sua vita su terra. Vivrà un'evoluzione corporale, innamorata, sociale, spiritosa attraverso il contatto personale ed intimo che avrà con i misteri della vita: lo sviluppo del suo corpo, la malattia, la morte, la necessità d'amore e di relazioni sociali, la violenza che è in lui e che dovrà controllare per vivere in pace sociale con le altre, la riunione con una voce che parla in lui, la riunione del suo spirito con il cuore, questo lotto divino che guida la sua esistenza terrestre.

Ogni esperienza gli consegnerà conoscenze intime di cui alcune resteranno segrete in lui la sua vita durante e di altre saranno discusse con le persone in che ha più la fiducia o che ami più. Alla fine della sua vita terrestre, questa conoscenza, questa esperienza umana devono servirle a comprendere il mistero della sua morte e prepararlo ad accedere alla vita eterna grazie al potere del suo cuore. La conoscenza rappresenta qui una fede.

Questa conoscenza può trasmettersi di una persona all'altra con l'iniziazione. Un iniziato non imporrà la sua visione dei misteri della vita umana ma preparerà quello che ricerca l'iniziazione per lui consulente questa o pratica quella di vita che favorisce la riunione con i misteri, con la presenza che anima il suo cuore e metterlo in guardia contro i pericoli di tale avanzamento spiritoso. Lo scopo dell'iniziazione è di incontrare questa dimensione divina del nostro cuore per superare la nostra condizione mortale di esseri umani, condividere un momento nel mondo superiore e divino per ritornare su terra con una visione nuova più alleviata, che affida, magnetizza della nostra condizione umana. L'iniziazione aprendoci questa visione del mondo arricchita dalla riunione sovrannaturale, ci fa risuscitare ad una nuova vita su terra: nulla non sarà più come prima, la nostra fede sarà completamente cambiata e l'iniziato abbandonerà la violenza per seguire una logica dell'amore e della fraternità, lotterà contro i criminali che non rispettano la dignità di ogni essere umano: uomo, donna, bambino indipendentemente dal colore di pelle, la lingua, l'aspetto fisico, l'età, l'intelligenza, le credenze. L'iniziato saprà sposare gli opposti per trovare un modo di vita comune in un gruppo.

La trasmissione dei mezzi umani per accedere all'iniziazione è in questo sito descritta in questo passaggio del libro “di Éleusis a Dendérah, l'evoluzione vietata„:

  • le E.M.I., esperienze di morti immediate a seguito di incidenti, di passaggio con la morte la creazione artistica, poetica attraverso il dialogo del cuore per il cuore ed il controllo della fonte ispiratrice,

  • il misticismo e l'apprendistato di preghiere, di mantras per mettere lo spirito in un momento favorevole di riunione sovrannaturale,

  • il superamento dei limiti del corpo per raggiungere l'estasi: il mezzo umano più accessibile è l'estasi innamorata generalmente raggiunta grazie all'estasi sessuale che riunisce due o più amanti. Il superamento di sé attraverso lo sport e le pratiche corporali.

  • Infine le droghe danno allucinazioni che si avvicinano a questi momenti d'estasi e di riunione sovrannaturale senza raggiungere tuttavia la comunione data dall'iniziazione acquisita dai primi quattro mezzi. Ma poiché è facile consumare droga, la facilità spinge alcune persone ad utilizzarle abbondantemente senza mai potere accedere ad esperienze veramente valorizzanti e produtrici di una fede nelle sue ragioni di vivere. Questa dipendenza alla droga produce esattamente l'opposto di un'iniziazione: la distruzione della vita e delle sue ragioni di vivere.

pour lire la suite :  Les 4 situations face à la rencontre surnaturelle :

Nell'antichità, i due principali centri d'iniziazione del mondo mediterraneo furono il tempio di Dendérah, nei pressi di Tebas, che fu il custode delle leggi divine e della matematica celeste ed il luogo d'iniziazione dei faraoni e dei grandi sacerdoti prima che accedano alle loro responsabilità. Scienziati vi furono iniziati come Pitagora. L'imperatore augusto ricevé l'iniziazione di Dendérah e fece restaurare il tempio, è per questo che questo tempio è uno meglio dei conservati. L'iniziato che usciva da questo tempio, come prova della sua iniziazione, poteva parlare dell'apocalisse: come dio che è amore può lasciare la terra ogni 26000 anni in teoria, oscillare sul suo asse per trovare un nuovo centro di gravità e proseguire la sua navigazione celeste e così causare un'inondazione, un cataclisma capace di spazzare l'umanità. Quel dio non è crudele? Gesù all'inizio del suo pubblico ministero presenterà la sua lettura dell'apocalisse e Jean, dopo la morte di Gesù scriverà l'apocalisse che la chiesa di Roma ha conservato mentre ignora quello di Gesù. L'ultima data dell'apocalisse fu conservata nello zodiaco di Dendérah la cui ultima copia fu trasferita di questo tempio al museo del Louvre a Parigi. Durante un momento, era esposta al limite massimo come a Dendérah ed illuminata aggiornati arricciando nella cripta dello Osiris, dietro le vestigia dei rifugi del Louvre che datano di Philippe Auguste. Da essa ha cambiato posto.

Il secondo centro iniziatico fu la baia di Éleusis nei pressi di Atene. La celebrazione dei misteri di Éleusis riprendeva li essere divertito da Dendérah portati dagli iniziati greci essendo stati iniziati nel tempio egiziano. Platone, fra altri poiché tutta la gente istruita dell'epoca si rese a queste celebrazioni. Furono vietate dopo il concilio di Nicea in 320 dopo J-C da parte dell'imperatore Costantino diventato capo della chiesa cristiana romana. Fin da 200 dopo J-C, il vescovo Irénée, a Lione, chiedeva il divieto dei riti iniziatici: come potere predicare la buona parola se ciascuno è capace, attraverso la sua iniziazione, di farsi la sua conoscenza spiritosa, la sua fede ?

Dall'anno 320, questa via iniziatica, questa fonte di sapere è proibita dalla chiesa cristiana ed il papa di Roma. Coloro che hanno resistito a questo divieto sono periti sui ceppi dell'inquisizione ma mai questa fonte di sapere non si è seccata, non è scomparso. Fra altri, i poeti hanno lavorato a partire da questa fonte di sapere.

 

Lo spirito umano con il lavoro manuale ed intellettuale produrrà una conoscenza tecnica e scientifica. Questa conoscenza è in relazione con quello tratto della fonte personale. La comprensione delle leggi dell'universo o del meccanismo del corpo umano, della vita su terra, permette di restare all'ascolto dei fenomeni naturali e dei movimenti dell'universo per preservare la vita su terra.

Civilizzazioni e l'ultimo e più conosciuto dell'occidente, è la civilizzazione egiziana, si sono costruite sulla complementarità delle due fonti di sapere. Dendérah conservava le leggi divine e la matematica celeste per preparare l'umanità a essere salvato in occasione prossimo del grande cataclisma, in occasione del prossimo apocalisse quando se la rintana oscillerà su un nuovo centro di gravità.

Dall'anno 320 ed il divieto della via iniziatica nella cultura occidentale per garantire l'imposizione dei dogmi della chiesa di Roma ai popoli dell'occidente e del bacino mediterraneo quindi ai popoli colonizzati dal paese europeo, la fonte collettiva è la sola ritenuta. Ha di inizialmente emanciparsi dei dogmi religiosi adulterati dai padri della chiesa ed i papi. Dopo Galilea, newton e la sua legge sulla gravitazione universale permetteranno alla società moderna di costruirsi sul razionalismo scientifico senza più alcuno intervento del potere dei papi. In realtà, ce lo sappiamo oggi, aveva appena riscoperto una parte della conoscenza conservata sulle pareti del tempio di Dendérah. La matematica celeste di questo tempio insegnava benché se la rintani un giorno debba oscillare su un nuovo centro di gravità per proseguire la sua navigazione celeste. Coloro che parlavano dell'apocalisse al tempo di Gesù conoscevano la gravitazione universale, sapevano utilizzare una conoscenza globale fondata sulle due fonti di conoscenze.

Questa fonte di conoscenza collettiva e questa produzione di conoscenza manuale ed intellettuale, per arrivare fino a noi, a superare ad un divieto fondamentale.

Gli archeologi e storici dimostrano giorno dopo giorno che su terra, oltre a 5000 anni prima di J-C, popoli possedevano una conoscenza su punti ben superiore alla nostra mentre ad alcune migliaia di chilometri di là, popoli vivevano l'età del bronzo e restavano nella preistoria.

La spiegazione c'è oggi conosciuta anche se la conoscenza ufficiale e cattolica rifiuta di ammettere questi fatti poiché contraddicono la bibbia e portano una conoscenza ben superiore a quella della bibbia.

leggere il seguito:      Vénus, les Atlantes, l'Égypte

La scienza e le tecnologie ci permetteranno un giorno di salvare la vita umana quando l'attività solare romperà la vita su terra ma questa conoscenza tratta dello spirito umano ha vere forze soltanto quando si combina alla conoscenza ed ai poteri dei mondi superiori e doppi ottenuti attraverso l'iniziazione più alta, la riunione con le presenze del mondo superiore una volta superato il pozzo di luce. Le leggende li raccontano che padroni spiritosi, druidi celtici e bene di altri intervenivano nella vita dei loro popoli per fare il bene e regolare i conflitti, punire coloro che lo meritavano, facendo ad esempio nei galli cadere il cielo sulla testa della gente grazie a diluvi (che avevano anche il merito di dare l'acqua potabile in seguito a questa gente).

Solata dalla fonte iniziatica, la conoscenza collettiva si riassume ad un razionalismo scientifico che generalizzato all'insieme dei settori di conoscenze causa conflitti conseguenti. Applicata all'economia ed alla soddisfazione delle necessità individuali, questa conoscenza attraverso il capitalismo o l'economia liberale sviluppa un sistema di potere organizzato secondo il principio d'efficacia. Questa conoscenza e questa organizzazione genererà ingiustizie e la miseria sociale in una parte dell'umanità. Gli oppositori a quest'ingiustizie utilizzeranno la conoscenza della via iniziatica e costruiranno dottrine a base di fanatismi religiosi. Opporre una fonte di sapere all'altra non porta nulla soltanto dei conflitti sanguinanti e dei genocidi, delle persecuzioni. La soluzione risiede nell'alleanza delle due fonti di sapere, la loro complementarità nell'ambito di una conoscenza globale. Questa costruzione di una conoscenza globale resta il principale scopo del sito web di Fileane.com e Pierre, il poeta, porta la sua esperienza poetica che proviene da questa fonte di conoscenza personale. Altri internauti sono invitati a contribuire allo sviluppo di una rete che lavora alla costruzione di questa conoscenza globale sgomberata dei tabù e divieti pronunciati dai dirigenti delle società che ci sono precedenti.

Poiché è bene questo conflitto tra le fonti di conoscenza, i conflitti per diventare proprietario di una conoscenza al servizio di un potere e che i dirigenti di questo potere imporranno ai popoli, è bene il conflitto nell'ambito della conoscenza collettiva per ammettere o no la genesi della storia umana secondo la bibbia o secondo le leggende e le scoperte fatte in Sudamerica e America centrale, nelle rovine dei tempi egiziani, è bene questo conflitto che ha avvelenato l'umanità fino ad oggi. Ci rimane da ricordare le principali tappe di questo conflitto, di questa storia della proprietà delle ricchezze nell'ambito dell'umanità, almeno nell'ambito della cultura occidentale.

La dichiarazione del dogma sull'evoluzione lineare del progresso spinge il razionalismo a sviluppare dogmi economici che i dirigenti del sistema liberale impongono come principi assoluti, senza alternative possibili: la priorità dei mercati, l'esclusiva della proprietà privata dei mezzi di produzione, la penuria economica, la massimizzazione dei profitti personali, il potere di creare della valuta attraverso banche commerciali e centrali private, il diritto di indebitare tutti gli operatori economici per portare al massimo le prestazioni delle alte finanze

Questo progresso scientifico che dovrebbe essere oggi al vertice del suo sviluppo li conduce nel vicolo cieco politico ed economico e la distruzione della natura accelera lo sregolamento climatico. Le minacce contro la vita su terra sono diventate insopportabili per i cittadini che hanno compreso gli errori disastrosi del razionalismo scientifico che rifiuta di utilizzare la nostra prima fonte di sapere.

 

 Isis

La via iniziatrice si oppone al sistema religioso fondato su dogmi intangibili. Nutrisce l'avanzamento spiritoso dell'essere umano e lo scambio di quest'esperienza può realizzarsi differentemente che attraverso una religione che difenderà la sua verità. La religione può essere soltanto la divisione di riti fondati sulla pratica spiritosa e la divisione degli insegnamenti che gli iniziati ci hanno consegnato. Deve restare spiritosa e dunque da rispettare l'iniziazione individuale. Quando la religione impone come superiore alle iniziazioni individuali, gli insegnamenti di un solo iniziato, profeta o unico figlio di dio, diventa un sistema di potere che gestisce una conoscenza religiosa che può soltanto suscitare contestazione, fanatismo, disordini sociali e guerre. È bene allora l'oppio del popolo per inviarlo battersi in nome di capi religiosi diventati criminali. La religione musulmana rispetta l'iniziazione: un sufico può dare la fortuna. Il buddismo è principalmente spiritoso e non è una religione. Solo la religione cattolica ha compiuto altrettanti sforzi e copertura sia di crimini e di genocidi per proibire la via dell'iniziazione.

Oggi la cultura occidentale è stata costruita attorno alla conoscenza collettiva, al razionalismo scientifico, della legge dei mercati economici. Non è in grado di comprendere la conoscenza tratta della fonte individuale e resta ancora nella prosecuzione dell'impresa del papa romano per occultarlo e respingerla. L'occidente, l'umanità non potranno progredire verso la pace e la minimizzazione della violenza senza restaurare una conoscenza globale fondata sulle due fonti di sapere, senza aumentare i divieti sulla via iniziatrice. Ignorando quest'ultimo, i dirigenti occidentali non iniziati permettono a chiunque di adulterare gli insegnamenti dell'iniziazione attraverso il fanatismo religioso e lo sviluppo delle sette, che lasciano l'umanità dinanzi alla realtà di nuove guerre di religione. L'occidente è responsabile di queste guerre di religione finché non è capace di aumentare i divieti che ha pronunciato da lui su questa fonte individuale di sapere. È oggi troppo facile a fanatici religiosi di utilizzare le tecnologie derivate dalla conoscenza collettiva per distruggere il mondo ed uccidere. Restaurando questa fonte di conoscenza, il fanatismo religioso vede la sua impresa indebolita di tanto.

photo de sophia antipolis

La dichiarazione dei diritti alla vita sociale

PIANO DELLA LOCALITÀ                              Traduzioni italiane

ACCOGLIENZA