fileane.com

I nostri troppo cari nemici,i padroni del mondo

per superarli a tutti i costi! 

3a parte: il finanziamento e la direzione delle guerre 

 
 

leggere la 2èsima parte di questa cartella

Quali sono i fatti storici, come quest'oligarchie finanziario si è arricchita finanziando e dirigendo le guerre.

1) come Venezia orchestrò il più grande disastro finanziario della storia. Paul Gallagher, quest'articolo è sembrato in inglese nell'americano trimestrale Fidelio (inverno 95).

In 1345, il crollo delle grandi case bancarie florentines del Bardi e Peruzzi condusse ad una vera disintegrazione finanziaria. Si può leggere nelle cronache dell'epoca che “tutto il credito scomparì allo stesso momento„.

è utile leggere il libro di Frederick C. Lane, Money and Banking in Medieval and Renaissance Venezia (Baltimore, john Hopkins University press, 1985), che dimostra che era piuttosto le finanze vénitienne che controllavano “la bolla speculativa„ delle finanze mondiali tra 1275 e 1350, e che orchestrarono il crollo degli anni 1340. Lontano “dalla coesistenza„ mitica tra libre-échangistes, gli oligarchi vénitiens condannarono alla bancarotta i loro colleghi florentins e l'economia dell'Europa e del Mediterraneo con. Si potrebbe dire che Firenze teneva un ruolo simile a quello di New York oggi, con Wall Street e le sue grandi banche, mentre Venezia, erano Londra; trattava banchieri, sovrani, papi ed imperatori tramite una rete finanziaria molto sottile e della sua sovranità totale del mercato della valuta e del credito.

Lo storico francese Fernand Braudel spiega (civilizzazione materiale, economia e capitalismo, XVème-XVIIIème secolo, libraio Armand Colin, 1979, volume III) che Venezia, alla testa dei banchieri florentins, génois e siennois, si impegnò all'inizio del XIIIème secolo in una lotta contro il potere potenziale di uno stato nazione moderno “che aveva già descritto il successo di Frédéric II„ Hohenstaufen (1194-1250). Quest'ultimo si situava nella tradizione di sviluppo delle riforme carolingie (miglioramento dell'istruzione, l'agricoltura, l'infrastruttura commerciale e l'arte di governare), tradizione che dovendo Alighieri tenterà di rivalorizzare in Monarchia.

“Venezia, scritta Braudel, ha intrappolato scaltramente, al suo profitto, le economie inclini, in particolare l'economia tedesca; se ne è nutrita, a impedendogli di agire al loro modo e secondo la loro logica.„ D'altra parte, “i circuiti nuovi del capitalismo hanno significato tale potenza del monopolio a vantaggio degli stati-città dell'Italia e dei Paesi Bassi che gli stati territoriali naissants, in Inghilterra, in Francia o in Spagna, ne hanno inevitabilmente subito le conseguenze.„ A ciò si aggiunge l'intervento di Venezia per impedire ad Alphonse il Sage (1221-1284) di succedere a Frédéric II sul trono imperiale.

“Il trionfo„ del liberalismo ed il soffocamento nell'uovo degli stati nazione definiscono lo sfondo della catastrofe del XIVème secolo. È soltanto un secolo più tardi, quando Renaissance darà nascita agli stati nazione, innanzitutto la Francia di Louis XI, quindi l'Inghilterra e la Spagna, che la popolazione europea riuscirà ad uscire dalla barbarie e dal crollo demografico. La devastazione causata dai banchieri mercantili vénitiens ed i loro “combinati„ nella seconda metà del XIVème secolo è illustrata nella figura 1. In Europa, in Cina ed in India (quasi tre quarti della popolazione mondiale), la tendenza demografica positiva si invertì dopo quattro a sei secoli d'aumento regolare della popolazione. Carestie, pesti bubboniche e polmonari, epidemie e guerre, tutti questi fattori fecero scomparire della terra 100 milioni d'essere umani. Si ritiene che il hordes mongoli massacrino soltanto tra cinque e 10 milioni di persone. Lo spopolamento non cominciò con lo scontro di 1340, ma quest'ultimo rappresentò la svolta decisiva.

Venezia svolgeva allora il ruolo di centro bancario, di mercato degli schiavi e di centro di spionaggio per conto del Khan mongole.

Tra 1250 e 1350, i finanzieri vénitiens misero in piedi una struttura di speculazione mondiale sulle valute e sui metalli preziosi che ricorda con alcuni aspetti il casinò immenso moderno “di prodotti derivati„. Le dimensioni di questo fenomeno superavano da lontano la speculazione più modesta sul debito, sulle merci e sul commercio delle banche florentines. Vénitiens riuscirono a togliere ai monarchi il monopolio dell'emissione e la circolazione della valuta.

Tuttavia, durante il periodo 1325-1345, ci fu inversione della situazione. La relazione tra il prezzo dell'oro e quello del denaro iniziò a cadere, che passa da 15 per 1 a 9 per 1. Nel momento in cui il prezzo del denaro risaliva, dopo 1330, l'offerta era enorme a Venezia. In 1340-50, “lo scambio internazionale dell'oro e del denaro si intensificò considerevolmente„, afferma Lane, che documenta inoltre un nuovo volo dei prezzi dei beni.

I banchieri florentins si trovano del colpo intrappolati. Tutti i loro investimenti sono in oro, mentre il corso del metallo giallo è in caduta libera.

Dopo il crollo dell'oro causato dagli Vénitiens con le loro nuove parti di valuta, Florentins non fecero come in 1334 quando era troppo tardi, il re della Francia attesero 1337 ed il re dell'Inghilterra 1340 prima di lanciare il tentativo infelice che abbiamo citato.

Secondo Lane: “La caduta del prezzo dell'oro, alla quale Vénitiens avevano risolutamente contribuito con importanti esportazioni di denaro ed importazioni d'oro, tirandone profitti, furono nocive per Florentins. Benché fossero i dirigenti delle finanze internazionali (...), Florentins non furono in grado, contrariamente ai Vénitiens, di tirare vantaggio dei cambiamenti che ebbero luogo tra 1325 e 1345.„

I superprofits del Sérénissime nella speculazione globale continuarono fino ai disastri bancari ed alla disintegrazione del mercato che si produssero in 1345-47 e nel corso degli anni successivi.

2) le guerre prima del 1910

Documento: La guerra dimenticata dell'America contro le banche centrali da parte di Mike Hewitt, Financial giudizioso University, traduce da parte disciplinati di Mex per Mecanopolis

fonte: http://www.mecanopolis.org/wp-content/uploads/2009/02/lhistoire-des-banques-centrales-americaines-pdf.pdf

La guerra di 1812: 

La maggioranza Democratico-repubblicana votò contro il rinnovo del permesso del governo federale che la banca centrale possa esistere, e la prima banca degli Stati Uniti chiuse ufficialmente le sue porte il 3 marzo 1811.

Nathan Mayer Rothschild fili di Mayer Amschel Rothschild, è citato da alcuni storici per avere informato “che gli Stati Uniti si troverebbero implicati in una guerra delle più disastrose se la carta della banca centrale non fosse rinnovata„. Casualmente, cinque mesi dopo la chiusura della prima banca degli Stati Uniti, l'Inghilterra dichiararono una guerra finanziata da prestiti fatti al Rothschild che erano già i banchieri preponderanti in Europa a quest'epoca.

La guerra di 1812 si concluse senza vincitori in 1814, essendo i britannici occupati a combattere Napoleone nello stesso momento.

la guerra civile americana da 1861 a 1865

Rothschild ha finanziato i due campi della guerra civile americana da 1861 a 1865. Da dicembre 1860 a maggio 1861, undici stati il cui sistema economico si basava sulla schiavitù (gli stati del Sud) si dimisero dell'Unione e costituirono “gli stati confederati„. Ciò causò la guerra di Sécession, nell'aprile 1861, contro gli altri stati dell'Unione situati al Nord degli Stati Uniti. Sono quasi esclusivamente AGENTI di ROTHSCHILD che hanno creato e fomenté la guerra civile. Uno di questi provocateurs fu GIORGIO BICKLEY che aveva fondato “i CAVALIERI del CERCHIO d'ORO„.

Tramite Bickley ed i suoi cavalieri, la casa Rothschild insisté sugli inconvenienti che rappresentava l'Unione per gli stati confederati. Negli altri stati dell'Unione, invece, le ROTHSCHILD, fungendosi da “J.P. Morgan„ e da “August Belmont„, misero l'accento sui vantaggi dell'Unione. La banca di ROTHSCHILD di Londra finanziò il Nord, quella di Parigi il Sud. Quale affare colossale per Rothschild! Si può essere soltanto il vincitore quando si finanziano i due campi e che si forniscono loro le armi. Quali erano superati? Gli americani, quelli degli stati del Nord e quelli degli stati del Sud.

Tuttavia, il presidente LINCOLN che aveva bucato il gioco rifiutò, in 1862 e 1863, di pagare loro gli interessi che toccavano somme colossali. Incaricò, poco dopo, poco dopo, il congresso di fare stampare i dollari “Green Back„ per pagare le truppe dell'Unione. Naturalmente, ciò non si accordava al piano del Rothschild: la conseguenza fu che uno dei loro agenti, JOHN WILKES BOOTH, uccise sul loro ordine Lincoln il 14 aprile 1865. Quello, più tardi, fu liberato da prigione “dai cavalieri del cerchio d'oro„ e passò il resto della sua vita molto piacevolmente in Inghilterra con una somma rondelette offerta dalle ROTHSCHILD.

fonte: http://secretebase.free.fr/complots/organisations/sectedollar/sectedollar.htm

documento: John Pierpont Morgan, in occasione del periodo tumultueuse che rappresenta la guerra di sécession, serve allo stesso tempo gli uffici di Londra e di New York. Guadagna molto denaro durante la guerra poiché la ditta paterna è rappresentante finanziaria dell'Unione in Gran Bretagna. Morgan negozia prestiti per l'Unione, finanzia acquisti d'armamento, specula sull'oro…,

L'eliminazione del regime dei Tzars in Russia

Alla fine del 1ø secolo, il oligarchie finanziario anglosassone detiene il potere in Europa ed agli Stati Uniti, solo la Russia non vuole di una banca centrale diretta da banche private e rifiuta di diventare la cliente di queste banche al punto di essere sottoposto loro. I banchieri dunque cercheranno di invertire il potere dei Tzars per potere possedere le ricchezze naturali, il petrolio della Russia.

La guerra tra il Giappone e la Russia dopo il 1904:

Jacob Henry Schiff concede dunque un prestito di 200 milioni di dollari al Giappone nel 1904 per sostenere le ambizioni nippones in Cina. I territori considerati dal Giappone sono occupati… dalla Russia. È l'epoca dove tutte le potenze mondiali si dattilografano la Cina, devastata ed impotente. Le navi ultramoderne della flotta giapponese sono state appena consegnate dal Vickers, direttamente di Inghilterra. È un disastro che umilia per Nicolas II, che deve ritirare le sue truppe, abbandonare le sue piazze forti e piangere la sua flotta, colata dal fondo fino all'ultima nave, ridotta a nulla.

3) la messa in atto di due guerre mondiali

3.1. La guerra di 14-18

Negli anni 1910, Schiff armerà le potenze centrali, ostili della Russia, Germania, Austria, Ungheria, ma anche l'impero otomano, in previsione della prima guerra. Quando il conflitto scoppia nel 1914, presta anche denaro alla Francia perché si armi contro queste stesse potenze centrali, pur raccomandando a tutti di fare la pace non appena possibile. Utilizzerà finalmente della sua influenza su Woodrow Wilson per spingere gli Stati Uniti ad intervenire a loro volta.

Jacob Henry Schiff preparava da una decina di anni, in collaborazione con Kaiser tedesco, il finanziamento della rivoluzione russa. Nel 1917, la ribellione cordone tutta la Russia e paralizza il fronte dell'Est, cosa che ha per effetto di prolungare la guerra di due anni. Gli stati dell'Europa sono rovinati? soltanto a ciò tenga, si presteranno loro ancora alcune centinaia di milioni. Schiff investe in maniera massiccia nel governo Bolchevique di Lénine, che favorisce la sua vittoria sulle altre fazioni rivoluzionarie. Il debito Bolchevique, contratto a Wall Street, sarà onorato negli anni 20 e li spiegherò come. La ragazza di Jacob Schiff diventa il coniuge del suo partner a Kuhn e co., Félix Warburg.

Una delle idee dell'Kaiser Wilhelm II, sempre consigliato da Max Warburg, è di accedere al petrolio mésopotamien costruendo una linea di ferrovia che collega Berlino a Bassora (il Iraq d'oggi). La corona britannica, la cui flotta ha abbandonato il carbone nel 1904 a profitto del petrolio, non può lasciare il monopolio del suo Royal Dutch Shell esaurirsi. Nel 1914, alcuni mesi prima che il progetto sia completato, la guerra è dichiarata sotto un pretesto bidone, l'assassinio del duca Franz Ferdinand. I banchieri di qualsiasi parte si sfregano le mani. Per loro, è Natale!…

fonte: http://mccomber.blogspot.com/2007/04/le-mauvais-sicle-6-les-warburg.html

Jack Morgan i fili e successore di J. Piermont, replicarono chiedendo ai clienti di Morgan Remington e Winchester di aumentare la produzione d'armamento. Decise che gli Stati Uniti dovevano entrare nella prima guerra mondiale. Premuto dalla fondazione Carnégie e di altre istanze dell'oligarchie, Wilson cedé. Poiché Charles Tansill scrisse “nell'America ne va in guerra„: “Anche bene prima che la spolverizzi parli, la ditta francese dei fratelli Rothschild cablò a Morgan and CO a New York che suggeriscono l'ondulazione di un prestito di 100 milioni di dollari, di cui una parte sostanziale sarebbe lasciata agli Stati Uniti per pagare le spese francesi per acquisti di prodotti americani.„

La casa Morgan finanziò la metà dello sforzo di guerra americano, pur ricevendo commissioni per avere introdotto subappaltatori come Electric generale, del ponte, gli acciai americano, Kennecott ed ASARCO. Tutti erano clienti di Morgan

_ http://resistance71.wordpress.com/2011/06/03/oligarchie-financiere-les-huit-familles-derriere-le-cartel-banquier-prive-international-lennemi-des-peuples-a-un-nom-et-des-visages/

In occasione del trattato di Versailles nel 1919, riparazioni rigorose sono imposte dagli alleati alla Germania ed ai suoi alleati. Fra queste, citiamo che Royal Dutch Shell, petrolifera che appartiene alla corona britannica, riceve i campi petroliferi di tutto il Medio Oriente in regalo. il 75% delle liquidità necessarie ai pagamenti pesanti imposti alla Germania è prestato al governo berlinese da banche US fra cui la riserva federale Bank diretta da Paul Warburg. È dunque il popolo americano che pagherà con le sue imposte le riparazioni tedesche della prima guerra alle grandi imprese che hanno organizzato il conflitto di una fine all'altra. Questa situazione contribuisce a creare il debito pesante nazionale che garantisce alle banche il loro ascendente sulla politica americana. Ecco che getta un'illuminazione prosaica “sul miracolo„ della ripresa tedesca, e sull'efficacia leggendaria del regime nazista, che si continua ad elogiarli fino ai nostri giorni sotto diverse forme.

http://mccomber.blogspot.com/2007/04/le-mauvais-sicle-6-les-warburg.html

La Amburgo-Amerika Line ha per banca (dunque creditore) il Sig. il sig. Warburg di Amburgo. Nel quadro “delle riparazioni„, è dunque Warburg stesso che organizza il suo trasferimento alla fiducia di Averell Harriman e George Herbert Walker, fra cui la braccio americana della sua banca, detenuto dai suoi fratelli Félix e Paul Warburg, è parzialmente proprietario. Riassumiamo il tragitto del denaro. Il contribuente americano paga la sua imposta, che si raccoglie al Federal Reserve Bank di Paul Warburg e co. Questo denaro passa in seguito in prestito alla Germania, in realtà al Reichsbank di Max Warburg e co. Il denaro trasmette ancora una volta verso l'Unione Bank de Harriman, di cui Felix Warburg è un azionista importante. Questo denaro (o ciò che ne resta) è in seguito utilizzato per completare la transazione che cede una flotta immensa di navi, la Amburgo-Amerika, del Sig. il sig. Warburg all'Unione Bank, sempre proprietà parziale del Warburg. Risultato, il denaro volato ad un cittadino, l'americano, ha servito a privare un altro cittadino, il tedesco, ed i governi dei due paesi incorrono in interessi pesanti, mentre una flotta gigantesca di navi è sembrata cambiare mani. Per completare la circuito, nel 1933, lo stesso Max Warburg diventa il direttore del consiglio d'amministrazione della Amburgo-Amerika Line.

3.2. la rivoluzione russa ed il potere sovietico:

Alla fine del 1ø secolo mancava all'appello dei finanzieri soltanto la Russia poiché il Tsar rifiutava la creazione di una banca centrale governata inevitabilmente dalle famiglie della oligarchie finanziario anglosassone. Sappiamo oggi come attuarono con successo il loro colpo. Reclutarono fra i cattivi allievi di Marx, e Lénine fu riconosciuto da Marx stesso come uno dei suoi cattivi allievi. Trotski nel gennaio 1917 è stato formato al guérilla nella proprietà “dello STANDARD OLIO COMPANY„ di ROCKEFELLER al New Jersey. I ribelli trotskistes furono finanziati dalla oligarchie finanziario anglosassone per eliminare il regime del tsar del Russies. Lénine fu finanziato dai banchieri tedeschi. In seguito, “lo standard olio„ (di Rockefeller) comperò ai Russes, dopo la rivoluzione bolchevique, 50% dei campi immensi pétrolifères caucasici, benché fossero ufficialmente nazionalizzati. Nel 1927, lo standard olio costruì la prima raffineria in Russia, siglò in seguito un accordo con i Russes per smaltire il loro petrolio sui mercati europei e fece passare 75 milioni di $ ai bolcheviques.

Documento: Nel 1916, Jacob Schiff, presidente “di Khun Loeb & Co.Bank„, fu scelto in occasione di una raccolta “di B'NAI B'RITH„ a New York come il presidente “del movimento Sioniste„ (rivoluzionario) in Russia.

Il 13 gennaio 1917, l'ebreo LEON TROTSKI (alias Bronstein) arrivò agli Stati Uniti e ricevé un passaporto americano. Lo vive occasionalmente penetrare nella residenza molto luxueuse di JACOB SCHIFF. * Schiff e Trotski scambiarono allora sui disordini sionistes in Russia e sulle lezioni che si erano tratte del fallimento dell'inversione dell'tsar. Jacob Schiff finanziò l'addestramento “dei ribelli trotskistes„ composti soprattutto da ebrei delle zone di New York.

Il loro addestramento ebbe luogo nella proprietà “dello STANDARD OLIO COMPANY„ di ROCKEFELLER al New Jersey. Quando furono abbastanza addestrati a condurre guérillas, i ribelli trotskistes lasciarono gli Stati Uniti forniti di una somma di 20 milioni di $ in oro che Jacob Schiff aveva rimesso loro. La barca a vapore„ S.S. Kristianiafjord " li portava in Russia per preparare l'arrivo “della rivoluzione bolchevique„.

Documento: Contatti molto intensi collegavano l'elite di Wall Street alla Russia fin dalla fine del 1ø secolo. In realtà, Rockefeller ed i suoi colleghi non andavano prendere alcun rischio e garantirsi di finanziare ed armare i due lati della rivoluzione Bolchévique. Quando la rivoluzione russa si stabilizzerà attorno a Stalin all'inizio degli anni 20, quest'ultimo farà regalo di Bakou ad un collega e partner d'affare di Rockefeller, certo Averell Harriman, di cui una delle banche, Brown Brothers Harriman era presieduto da Percy Rockefeller.

documento: Mentre Bolcheviques controllano soltanto una frazione trascurabile del territorio russo (lotto che passano vicino a perdere all'estate 1918), American League to Aid and Cooperate with Russia è organizzato a Washington D.C. per aumentare l'appoggio offerto al gruppo di Lénine e Trotski, già sostenuto da Jacob Schiff. Si tratta di un consorzio che raccoglie General Electric, Baltimore & Ohio Railroad, e soprattutto, la riserva federale Bank, in breve, un ingresso del Warburg.

Documento: Avete anche citato la rivoluzione bolchevique. Ancora una volta –vous lo sapete forse già e di numeroso ascoltatore-vedrete che una buona parte del finanziamento proviene da Kuhn Loeb and Co e da alcuni personaggi Illuminati. Questo denaro è stato utilizzato dai Bolcheviques per finanziare la rivoluzione. ALLORA, un certo numero di accordi e di cose che furono intraprese hanno permesso a questa gente di riuscire. Un buono numero di aspetti di quest'affare ha fatto a meno di modo occulto, dietro la scena. J.P. 

Documento: Antony Sutton spiega tutti questi collegamenti tra le imprese di Wall Street ed i personaggi - poiche'chiavi hanno portato la rivoluzione bolchévique a scoppiare, con il fatto che le imprese di Wall Street si prefiggono di stabilirsi nel mercato sovietico per sfruttare dal punto di vista commerciale la Russia. Quest'instaurazione si effettuerà in particolare attraverso American International corporazione che è un'organizzazione che raccoglie in primo luogo gli interessi di J.P. Morgan, di James Stillman il presidente del nazionale City Bank lontano New York, e del Rockefeller.

Fonte: http://fr.wikipedia.org/wiki/Antony_Cyril_Sutton

3.3. la guerra del 1939 - 1945

1920: nonostante le ceneri ancora calde e l'orrore cuisante con il quale il mondo osserva l'ecatombe che si è appena completato, Wall Street inizia già a fare la promozione di una politica della rivalsa in Europa centrale e preparare l'arrivo di una nuova guerra tra la Francia, la Germania e la Russia.

Creazione a New York del Council si Foreign Relations (tipo di ministero americano degli affari esteri, che sfuggono ad ogni controllo governativo, che appartiene a banche e fiduce industriali). La sua direzione è affidata a Paul Moritz Warburg. Resta un membro influente fino alla sua morte, nel 1932. Fonda anche nel 1921 International Acceptance Bank lontano New York (banca di ricezione di capitali stranieri), che fonde in seguito con la banca di Manhattan. È inoltre fondatore, azionista importante, e direttore di I.G. Farben USA, società sorella del I.G. Farben tedesca, diretta da suo frérot Max Warburg. I.G. Farben e Vereinigte Stahlwerke hanno prodotto insieme il 95% degli esplosivi utilizzati dalle forze dell'asse nel corso della seconda guerra mondiale.

Negli anni 20, i banchieri di Wall Street cercano in Europa centrale su che puntare per garantirsi di una guerra non appena possibile. Paul Moritz Warburg si reca in Germania nel 1929 e nel 1930, per rappresentare l'accettazione internazionale Bank, interessato da finanziare ed organizzare la parte National Socialiste di Adolf Hitler. Rappresenta anche Guaranty Trust di J.P. Mogan nello stesso contesto.

Inzuppato di fondo e di appoggi che provengono da qualsiasi parte (Wall Street, City di Londra, Thyssen, Schacht, Krupp), Adolf Hitler e suo S.A., armati di 400.000 mitra da Rockefeller e J.P. Morgan, si afferrano del potere dopo un colpo di stato mascherato, nel gennaio 1933.

A partire dal 1933, Max Warburg partecipa alla direzione finanziaria dello stato nazista riunendosi allo CA del Reichsbank, sotto Hjalmar Schacht a che è molto vicino. È parallelamente uno dei grandi azionisti e dirigenti della parte tedesca del conglomerato immenso chimico nazista I.G. Farben (américano-germanico), tristemente celebra per la creazione e la vendita del Zyklon B (il veleno usato nei campi di sterminio), ma anche fornitore dell'esercito tedesco in gas tossici, surrogato petroliferi e prodotti diversi, di cui ovviamente, degli esplosivi. I.G. Farben ha una parte presa molto chiaramente nella guerra che si prepara, poiché il ramo americano della ditta blocca l'accesso dell'esercito gli Stati Uniti ai suoi brevetti che comporta applicazioni militari, riservando l'esclusiva al lato nazista.

Documento: Il cartello della chimica IG Farben aveva la sua sede centrale in Germania, controllava l'industria chimica e farmaceutico in tutto il mondo e 93 paesi coopéraient in questo cartello.  I.G. Farben aveva sviluppato, nel 1926, un metodo per ottenere benzina da partire dal carbone e stipula dunque nel 1929 un contratto di licenza con “lo STANDARD OLIO„ (di Rockefeller). Due anni più tardi, I.G.Farben produceva circa la metà della benzina tedesca e, più tardi, costruì raffinerie appena accanto ai campi di concentrazione. I prigionieri furono costretti a lavorarvi come forzati mentre si produceva nelle raffinerie il gas per le camere a gas. Il gruppo I.G. Farben era uno dei importanti konzerns controllati dal Rothschild e smaltiva delle somme di denaro enormi nell'economia tedesca e particolarmente ai futuri SS. Il comitato direttivo di I.G.Farben era fra i suoi membri MAX e PAUL WARBURG (della riserva federale) che possedevano grandi banche in Germania e negli Stati Uniti. Il principale agente di collegamento tra Hitler ed i barons argentati “di Wall Street„ furono HJALMAR HORACE GREELY SCHACHT, presidente della banca del Reich, la cui famiglia era strettamente legata all'elite delle finanze internazionali.

Nel suo libro, John Perkins descrive il suo passato d'uccisore ad impegni economico per conto di una oligarchie finanziario. Spiega che quando gli uccisori ad impegni non riescono a fare piegare il paese interessato, si spiegano allora “gli sciacalli„ per effettuare le opere basse: assassinii o colpi di Stato. In caso di fallimento degli sciacalli, spetta all'esercito intervenire direttamente. In un senso, IG Farben era l'uccisore ad impegni economico dell'oligarchie finanziario dell'epoca ed i nazisti, gli sciacalli.

Bene prima del suo arrivo al potere nel 1933, Hitler usufruiva d `un sostegno sostanziale da parte dei cartelli privati. Il caso più famoso è quello di Fritz Thyssen, di Vereinigte Stahlwerke. In un libro pubblicato nel 1941 sotto il titolo ho finanziato Hitler, Thyssen ammette che aveva iniziato a finanziare Hitler nell'ottobre 1923 con un primo contributo di 100 000 marchi.

http://www.alterinfo.net/Comment-Londres-et-Wall-Street-ont-mis-Hitler-au-pouvoir_a38201.html

l'entrata in guerra degli USA contro il Giappone:

I giapponesi volevano fare aumentare il blocco che gli americani imponevano loro al livello del petrolio dalla loro invasione della Cina. Quando hanno attaccato, non restava loro soltanto 18 mesi di stock strategico. I giapponesi lorgnaient sul petrolio del Sud-Est asiatico, ma c'era una base americana troppo pronto. Hanno colpito Pearl Harbour per tentare di distruggere le porte aerei US e neutralizzare ogni risposta US.

documento: Il 7 ottobre 1940, Commandant Arthur McCollum lo scrisse una memoria di 8 pagine che descrivono un processo che mira a forzare il Giappone ad entrare in guerra con gli Stati Uniti.

L'11 febbraio 1941, FDR propose di inviare sei navi da guerra ed altre due navi di guerre a dispositivo d'ancoraggio.

È generalmente autorizzato che l'embargo americano del petrolio a destinazione del Giappone condusse subito all'invasione giapponese delle India olandesi Est. Roosevelt andò più lontano congelando tutti i capitali giapponesi messi negli Stati Uniti, fornendo aiuti finanziari ai nazionalisti cinesi (che erano in guerra con il Giappone attualmente) e dell'aiuto militare all'Inghilterra in violazione delle leggi internazionali esistenti a proposito della guerra.

Il 4 dicembre, tre giorni prima dell'attacco su Pearl Habor, i servizi di informazioni australiane informarono Roosevelt che un gruppo di forze giapponesi si dirigeva verso Pearl Harbor. Ma ne non tenne conto.

L'attacco causò la morte di 2400 soldati americani e l'entrata in guerra degli Stati Uniti. Prima dell'attacco su Pearl Harbor, il 83% del pubblico americano non voleva entrare in guerra. Dopo l'attacco, uno milione di uomini si candidarono come volontari per il servizio militare.

Documento:  IL STRATAGEME DI PEARL HARBOR 

Fonte: http://actualitedelhistoire.over-blog.com/article-e-43314543.html

http://fr.answers.yahoo.com/question/index?qid=20110303091301AAuezee

il seguito della guerra 1939-1945:

documento: La rete costruita dal Warburg, Harriman ed i loro assistenti continua ad operare, a nel 1942 in alcuni casi, ed a nel 1945 in altri. I profitti ammucchiati sono astronomici. Contrariamente a Schiff, risolutamente commosso dalla sorte di suoi congénères e sempre pronto a portarsi al loro aiuto, Warburg sembra dotato di un'indifferenza che confonde alle sofferenze esseri umani in generale, ma degli ebrei in particolare. Sono stati ingannati? Forse erano antisemiti?! O allora piuttosto staccati della loro cultura ammirevole ancestrale e semplicemente avidi di capitali, di controllo, di potenza.

http://www.mecanopolis.org/wp-content/uploads/2009/02/lhistoire-des-banques-centrales-americaines-pdf.pdf

documento: il ruolo di Jean Monnet presso Roosevelt durante la guerra:

George Ball, che, prima di diventare segretario di Stato di John Kennedy e di Lyndon Johnson, incrociò Monnet nelle piste del potere americano durante quest'anni di guerra, testimonia: “Jean, allora, aveva già una piccola leggenda a Washington. Il suo passato era ben noto, almeno nel piccolo cerchio di gente che contava nel processo decisionale. Lo ero detto che non somigliava a nessuno e di fatto era bene ciò. Ero un po'sorpreso, era realmente "sui generis".„ (Prova di George Ball a Eric Roussel, il 22 ottobre 1991.)

Monnet che, quando aveva un'idea in testa non la abbandonava mai, mantenne una pressione costante sull'amministrazione Roosevelt. Durante la primavera 1941, fu certamente un fattore determinante nello sforzo di mobilizzazione militare americana prima di Pearl Harbor, uno dei soli a comprendere dove Roosevelt intendeva arrivare e perché.

John Maynard Keynes, citato da Emmanuel Monick in per memoria, dirà: “Quando gli Stati Uniti d'America entrarono nel conflitto, si presentò al Presidente Roosevelt un piano di ricostruzione di aerei giudicato da tutti i tecnici americani come che realizzano quasi un miracolo. Ma Jean Monnet osò trovarlo insufficiente. Il Presidente si ricongiunse al suo punto di vista. Impose alla nazione americana uno sforzo che sembrò a prima vista impossibile ma che perfettamente fu successivamente realizzato. Questa decisione capitale ha forse accorciato di un anno intero la durata della guerra.„

http://www.solidariteetprogres.org/Franklin-Delano-Roosevelt-ou-comment-gagner-la-bataille-contre-Wall-Street_03372

la battaglia di Normandia ed il renoncement da catturare le divisioni SS

La nomina di Eisenhower poiché il comandante principale per la guerra in Europa è un segno di controllo dei finanzieri sui generali combinati. Il desiderio delle truppe tedesche da difendere metro per metro le loro posizioni e prevedere la pensione hanno spinto i piani combinati del COSSAC stabilito nel 1943 e fondato sul ritiro delle truppe tedesche dinanzi alla minaccia di un encerclement. Il rifiuto di una pensione e la volontà di contro attaccare di Hitler erano arrivati ad un errore monumentale e la possibilità di catturare tutto ciò che restava del gruppo d'esercito B tedesco. Tuttavia Eisenhower lasciò fare Bradley e Montgomery senza coordinare le loro azioni. Il 14 agosto, l'anticipo delle truppe canadesi sotto gli ordini di Montgomery avanza rapidamente dinanzi a scogliera e la chiusura della tasca è imminente. Al sud, l'anticipo del 2 eme DB di Leclerc permette di chiudere anche la tasca di scogliera.

Documento: A sei ore della mattina il 13 agosto 1944, la foresta di Ecouves era sotto controllo. Ed i tedeschi iniziano a fuggirsi con il corridoio di Chambois che gli alleati iniziano a bombardare.

http://ww2-derniersecret.com/B-Normandie/etau.html

Il 14 agosto Bradley, senza concertarsi con Montgomery né con Eisenhower, dà l'ordine a Patton non di impegnarsi a chiudere la tasca andando alla riunione dei Canadesi di Montgomery ma andare verso Seine all'est di Parigi. Se Montgomery gli chiede aiuto, gliela fornirà per catturare l'esercito tedesco. La metà dell'esercito di Patton si dirige allora verso Chartres e Orlèans. Il 17 agosto nel pomeriggio, Montgomery telefonerà a Bradley per chiedergli aiuto e chiudere la zona Argentan-scogliera, soprattutto a Chambois con dove sfuggivano i tedeschi. Per chiudere Chambois, Montgomery designò la 1a divisione blindata polacca, la più inesperta delle divisioni che comandava Montgomery. I polacchi si sacrificheranno per tenere fino alle loro ultime forze ma il tappo sarà definitivamente chiuso che a partire dal 21 agosto. Senza l'ordine di Bradley, i 2 eme DB di Leclerc avrebbe potuto essere la prima che viene dal sud ad incontrare a Chambois i polacchi ed i Canadesi. (Sei eserciti in Normandia, John Keegan).

Documento: Presto nel dopo mezzogiorno del 13 agosto, il generale Bradley trasmesso da Patton aveva ordinato al generale Haislip non di andare su Argentan. Il comandante del XVème Corps doveva anche ricordare gli elementi che operavano in direzione di scogliera o al nord di Argentan. Anziché concentrare gli attacchi verso i Canadesi, XVème Corps doveva raccogliersi e prepararsi per altre operazioni in una nuova direzione.

Da parte sua, il maréchal Montgomery ha consegnato la spiegazione tattica seguente nel suo libro “Normandy to the Baltic„ (4): “XVème Corps US si era bene stabilito nella regione di Argentan il 13 agosto ed ha spinto elementi circa a dieci miglia in direzione di Gace, che minacciano il lato ostile e che chiudono gli itinerari verso l'est. Il 14 agosto questo corpo ha ricevuto l'ordine di spiegarsi più lontano verso l'Est in direzione di Dreux per passare la spalla ostile al sud del corridoio e proibire la fuga delle forze ostili verso la zona di Orlèans.„ Si sa che questa misura è stata adottata per opporsi alle nuove direttive di Hitler datata del 18 agosto 1944 che voleva creare una linea di fronte Senso-Dijon -la frontiera svizzera.

Il 19 agosto 1944, il collare della tasca di scogliera è finalmente richiuso quando le truppe americane stabiliscono un primo collegamento con la divisione blindata polacca, duramente provata, a Chambois. Lo stesso giorno, il 3o esercito US di Patton riceve l'ordine di stabilire una testa di ponte all'Est dell'Seine e dell'Yonne sul perimetro Sens-Montereau-Melun.

Alla sera del 20 agosto 1944, lo stato maggiore del gruppo di eserciti B ha riportato “che approssimativamente 40 al 50% delle unità circondate erano riusciti a rompere il encerclement per raggiungere le linee del IO SS Panzerkorps„ .Il vi ha aveva circa 10.000 soldati morti sul campo di battaglia. Gli alleati hanno ritenuto il numero dei prigionieri tedeschi a 50.000 (25.000 con le truppe americane e tanto con le truppe anglo-canadiennes.

http://ww2-derniersecret.com/B-Normandie/etau.html

Documento: Per Meyer, Simonds aveva lasciato passare un'occasione ardua, poiche'la strada di scogliera è stata grande aperta durante dodici ore determinanti tra mezzanotte il 7 agosto e mezzogiorno il giorno seguente. Si è riportato che soli “60 uomini e 3 serbatoi Tiger„ sbarravano la strada agli automezzi pesanti canadesi e ad una vittoria a scogliera. Critiche hanno dunque supposto che se Simonds non fosse stato indotto in errore dalle informazioni, avrebbe acquisito bene in anticipo la conoscenza della situazione necessaria per cambiare fondamentalmente il corso dell'operazione Totalize e lanciare le sue forze sulla strada di scogliera per circondare l'esercito tedesco all'ovest prima che la battaglia naissante della tasca di scogliera diventi quella della breccia di scogliera.

http://www.army.forces.gc.ca/caj/documents/vol_12/iss_3/CAJ_Vol12.3_11_f.pdf

L'interrogazione rimane per comprendere come gli alleati hanno perso l'occasione di catturare tutto l'esercito B tedesco in Normandia: l'accumulo di errori sul campo non può essere scuse poiché le truppe erano in grado di chiudere fin dal 13 agosto la tasca. L'ordine principale diventa dunque responsabile ed il modo in cui gli americani hanno cercato di fare portare la responsabilità su Montgomery diventa sospetto poiché è l'esercito americano di Patton con i 2 eme DB francese che aveva a disposizione la sorte del encerclement. I Canadesi avevano informazioni false consegnate dallo stato maggiore di Eisenhower e mancavano di riserva esperta per attuare con successo la cattura delle divisioni tedesche. Per ogni spiegazione seria, un buono numero di storici ha concluso che è Eisenhower che ha lasciato sfuggire le divisioni SS di Normandia su ordine delle istanze decisionali politiche e finanziarie americane.

Dopo l'8 maggio 1945, il generale Patton cercherà spiegazioni alla condotta militare così tortueuse della guerra di conoscere le vere istanze decisionali e responsabili di questa strategia illogica che lasciò rapidamente il campo libero alle truppe sovietiche sull'Europa dell'est. Il suo decesso accidentale nel dicembre 1945 sistemò bene gli affari dei finanzieri di Wall Street ma le cause di quest'incidente sono restate sospette e l'eliminazione del questo generale diventato troppo curioso resta plausibile. Quando conosciamo oggi le relazioni strette tra i banchieri di Wall Street ed i nazisti, come altri storici lo ammettono, possiamo credere che le divisioni di elite tedesche si siano viste offerte la possibilità di sfuggire da Normandia per prolungare la guerra e resistere il più possibile agli eserciti sovietici. Non ci ha stato che le fabbriche chimiche di IG Farben proprietà dei finanzieri di Wall Street che furono salvate: il SS fu anche protetto per il suo ruolo di punta di diamante contro il comunismo. Lo scopo della oligarchie finanziario anglosassone è sempre stato di fare durare le guerre il più a lungo possibile per portare al massimo il suo arricchimento phénoménal durante questi conflitti militari. Quando la questione si è posta di catturare tutto l'esercito tedesco di Normandia, la durata della guerra e gli accordi di Yalta hanno dato la risposta: Patton non doveva potere scurire in tre settimane su Berlino, prima di proseguire su Mosca. Non sono i generali che decidono la sorte dei combattimenti ma i finanzieri che li organizzano per i loro profitti esclusivi!

Il commercio con il nemico:

documento: Un modo di iniziare a percepire Illuminati consiste inizialmente nel osservare come questa gente si sistema per essere sopra le guerre, sopra la sfilacciatura ed di tutte queste sofferenze che accablent. Altro esempio storico che ho messo in evidenza nel mio libro sulle 13 principali stirpi sanguigne Illuminati: quando gli USA entrarono in guerra dopo Pearl Harbor, nello spazio di alcuni giorni, il presidente Roosevelt ha fatto uscire un decreto presidenziale che era in realtà un emendamento semi-segreto alla legge che proibisce gli scambi commerciali con il nemico (Trading with Ennemy Act). Quest'emendamento autorizzava alcune persone a fare scambi commerciali con il nemico se ne ricevessero il permesso da parte del segretario al tesoro che, allora, era Hans Morgenthau. Ho fatto una copia di quest'archivi che ho fatto uscire dal codice federale lontano regolazioni (codice federale delle leggi). Se vogliono esentare qualcuno, possono permettergli di vendere con il nemico grazie a questo decreto presidenziale.

E che sono la gente a che si è dato questo privilegio? Rockefeller ed Onassis, tutti due degli spilli operai Illuminati. Nel corso della seconda guerra mondiale, tutte le barche mercantili greche sono state colate da un campo o l'altro. In seguito, c'era quest'armatore greco, Aristote Onassis che non ha perso una sola nave mentre questi navigavano in zone di guerra. Nessuno delle potenze dell'asse o dei paesi combinati ha osato attaccare le sue barche. Inoltre le fabbriche chimiche di IG Farben in Germania non sono state bombardate poiché erano il possesso dei banchieri di Wall Street. Affinché qualcosa come succede, dobbiate avere una collaborazione piena ed intera al più alto livello. Sono installati sopra la sfilacciatura, sopra i conflitti che suscitano per gli uomini del comune.

fonte: http://dailynuts-news.over-blog.com/article-le-programme-monarch-et-les-illuminati-84587693.html

Documento:

C'è un libro intero che è destinato a ciò e che si intitola, penso, “vendere con il nemico„. Questo lavoro è stato pubblicato nel 1983. Lo standard olio del Rockefeller ha conceduto navi petrolifere e gaziers inizialmente per la Spagna i cui prodotti sono stati in seguito direttamente trasportati verso la Germania nazista. Gli alleati sapevano che Rockefeller forniva i tedeschi in combustibili. Ciò ha prolungato la guerra di due anni. Ma non intenderete mai parlare di ciò fra gli storici ufficiali. Ci hanno stato molti scambi commerciali importanti nel corso della a guerra mondiale che erano in realtà indispensabili per sostenere la macchina di guerra nazista.

http://dailynuts-news.over-blog.com/article-le-programme-monarch-et-les-illuminati-84587693.html

Durante la guerra, Chase National Bank del Rockfellers conserverà i suoi uffici aperti nella Francia occupata dai nazisti, che gestiscono i conti dell'ambasciatore nazista Otto Abetz che finanziava il movimento synarchique rivoluzionario, quello che liquidava le cellule anti-naziste a Parigi.

Caccia avrà anche in carico le transazioni del Banco Aleman Transatlantico, il dispositivo di controllo della parte nazista in America iberica. Il 17 aprile 1945, Chase National Bank lontano New York sarà tradotta in giudizio dinanzi ad un tribunale federale americano per avere infrange “la legge sul commercio con il nemico„, nell'affare dei diamanti di Smit.

Il 13 luglio 1944, tutt'al più molto della guerra, standard olio lontano New Jersey portò reclamo contro il governo americano per avere confiscato i brevetti della gomma sintetica. Il 7 novembre 1945, il giudice Charles Wyzanski deliberò a favore del governo. La procedura in appello fu respinta il 22 settembre 1947, il giudice Charles Clark dichiarando: “Lo standard olio può essere considerato come un nemico nazionale in base alla sua relazione con IG Farben dopo che gli Stati Uniti e la Germania siano diventati nemici attivi.„

Quanto a ITT, continuerà lungo la guerra a collaborare con il governo nazista. Il ramo tedesco di ITT, il cui Presidente era Gerhardt Westrich, il socio giuridico di John Foster Dulles, fornirà Wehrmacht in telefoni, allarmi di incursioni aeree, attrezzature radar, micce per pezzi d'artiglieria, ecc.

http://www.alterinfo.net/Comment-Londres-et-Wall-Street-ont-mis-Hitler-au-pouvoir_a38201.html

documento: Il SS è stato destinato alla guardia dei prigionieri ebrei ed altri, e sceglieva per uccidere coloro che erano improprii alla labeur degli schiavi di I.G. Farben. Il Presidente di standard in Germania Emil Helfferich ha testimoniato dopo la guerra che i fondi dello standard olio hanno servito a pagare le guardie SS a Auschwitz.

http://www.nouvelordremondial.cc/2011/03/14/rockefeller-les-nazis-lonu-et-le-genocide/

Martin Bormann era un agente Rothschild – Évidence ovvia

Il secondo uomo più potente della Germania nazista, Martin Bormann, era un agente (Illuminati britannico) “sovietico„ che garantì la distruzione della Germania e della Comunità ebrea europea ..... Bormann è stato un agente Illuminati britannico dall'inizio ed è in gran parte responsabile per la sconfitta nazista. In realtà, la seconda guerra mondiale è stata una frode gigantesca Rothschild sui tedeschi, ebrei e la razza umana. Il bottino ha finisce alle mani Illuminati.

Come il nonno di Bush ha aiutato Hitler ad accedere al potere

Durante decine di anni, voci che legano la prima famiglia americana alla macchina di guerra nazista hanno circolato. Oggi, Guardian vi rivela ciò che l'attuale presidente considera dopo tutto ciò che ha seguito l'applicazione “di Trading with the ennemi Act„ (la legge che reprime il commercio con il nemico).

cartella realizzata da Ben Aris a Berlino e Duncan Campbell a Washington, The Guardian, sabato 25 settembre 2004.

http://questionscritiques.free.fr/Bush/PBH.htm

Per concludere le nostre osservazioni sulla seconda guerra mondiale, il oligarchie finanziario americano cercò di fare durare il più a lungo possibile questa guerra mondiale volendo indebolire la Germania e l'Unione sovietica, tenuto conto che una volta i nazisti superati, resterebbe il comunismo per prevedere una terza guerra mondiale che andava legittimare importanti spese d'armamento e la prosecuzione dell'alleanza tra i banchieri e gli industriali dell'armamento per forzare i governi e gli uomini politici a sottoporsi a questa strategia molto valorizzante per il oligarchie finanziario.

Conclusione sulla messa in atto delle crisi economiche e delle guerre con il oligarchie finanziario anglosassone: 

Siamo bene in presenza di una guerra dei popoli contro il controllo decisa da quest'elite finanziaria internazionale: il oligarchie finanziario di Wall Street voleva che i politici costruiscono una società socialista poiché il socialismo bolla con il fondo, impoverisce e permette di controllare meglio i popoli. Gli stessi uomini e le stesse ditte internazionali finanziarono la rivoluzione russa, “New Deal„ di Roosevelt e National-Socialisme, i 3 “socialismi„. Ogni volta, queste manovre politiche rafforzarono la dipendenza degli stati e dei popoli in relazione alla oligarchie finanziario che vi trovò profitti colossali.

Questa politica illustra l'analisi famosa di Tocqueville: “la divisione delle classi fu il crimine della vecchia sovranità, e diventò più tardi le sue scuse; poiché, quando tutti coloro che compongono la parte ricca ed illuminata della nazione non possono più intendersi ed aiutarsi nel governo, l'amministrazione del paese da parte sua è come impossibile, ed occorre soltanto un padrone intervenga„.

Per i finanzieri principali del mondo, la strategia è la stessa: al di sotto della classe delle più ricche, occorre sviluppare le classi medie e popolari e lasciare il socialismo e gli stati occuparsene. Il cinismo consolidato dall'ideologia razzista nella fede di una razza pura ed il suprématie dei principali ha regolarmente condotto questi criminali a sviluppare i loro profitti inizialmente nel commercio degli schiavi quindi nell'utilizzo del lavoro forzato dei campi di concentrazione e di distruzione nazisti. Poiché il socialismo non arriverà a cambiare la situazione ed eliminare il potere dei più ricchi, le popolazioni saranno bene obbligate a ritornare verso i loro padroni per ottenere un lavoro, un salario ed un conto in banca. Per uscire dalle crisi economiche decise dai finanzieri, i dirigenti politici e i cittadini devono sottoporsi alla tirannia della oligarchie finanziario. Per loro, non c'è un'altra alternativa: occorre un governo mondiale di cui saranno i padroni:

“Avremo un governo mondiale, che lo vogliamo o no. Rimane da sapere se il governo mondiale sarà stabilito da consenso o da conquista.„   James Paul Warburg, 17 febbraio 1950, al Consiglio delle relazioni internazionali degli Stati Uniti.

Ma Tocqueville e probabilmente bene maggiormente Warburg e consorti, erano ignares sul tempo delle cattedrali e l'alternativa dell'organizzazione in rete. Come i nostri finanzieri rifiutano sempre di considerare quest'alternativa mentre la conoscono molto perfettamente per funzionare loro stessi in reti, certamente in reti chiuse, in clan ed in mafia criminale per rendere impossibile lo sviluppo delle nostre reti cittadini di vita.

leggere il seguito, la quarta parte di questa cartella documentaria

Traduzioni italiane

il piano del website     biblioteca     accoglienza